Idlib

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Idlib
città
(AR) إدلب
Idlib – Veduta
Localizzazione
StatoSiria Siria
GovernatoratoIdlib
DistrettoIdlib
Sottodistretto
Territorio
Coordinate35°56′N 36°38′E / 35.933333°N 36.633333°E35.933333; 36.633333 (Idlib)Coordinate: 35°56′N 36°38′E / 35.933333°N 36.633333°E35.933333; 36.633333 (Idlib)
Altitudine451 m s.l.m.
Superficie23 km²
Abitanti157 427 (2009)
Densità6 844,65 ab./km²
Altre informazioni
Linguearabo
Prefisso23
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Siria
Idlib
Idlib

Idlib (in arabo: إدلب‎) è una città della Siria nord-occidentale, situata vicino al confine con la Turchia, vicino all’antica e grande città archeologica di Ebla.

Geografia umana[modifica | modifica wikitesto]

È il capoluogo dell'omonimo governatorato. Ha una popolazione di 157.427 abitanti circa (stima 2009).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il dominio ottomano in Siria, tra il XVI e il XIX secolo, Idlib fu la capitale di un kada ("capitale del sottodistretto") che portava il suo nome, parte del più grande Vilayet di Aleppo ("Provincia di Aleppo"). La città era un centro di produzione di olive durante il regno del Gran Visir Köprülü Mehmed Pasha, che a sua volta ha lasciato il posto a una prospera industria del sapone a base di olive. Sebbene i principali mercati del sapone di Idlib fossero ad Aleppo, Antiochia e Hama, il prodotto fu esportato fino alla capitale ottomana di Istanbul. Idlib era anche un importante produttore di tessuti di cotone. Il viaggiatore occidentale Josias Leslie Porter notò che Idlib era "circondato da uliveti, raro in questa regione desolata", e osservò che i suoi uliveti erano più grandi di quelli di Damasco, Beirut o Gaza. A metà del XIX secolo, la città aveva una popolazione stimata di 8000 persone, tra cui 500 cristiani. Alla fine del XIX secolo, Idlib era "fiorente" e conteneva ancora un certo numero di famiglie cristiane, secondo l'orientalista tedesco Albert Socin.

Durante la rivolta dal 2011 che ha dato origine alla guerra civile siriana, Idlib è stato al centro delle proteste e dei combattimenti: divenne il centro di una campagna ribelle, che catturò temporaneamente la città e il governatorato, prima di un'offensiva del governo nell'aprile 2012. Successivamente, le forze governative ripresero la città e la provincia controllata dai ribelli dopo un mese di combattimenti, prima del tentativo di applicare il cessate il fuoco proposto da Kofi Annan.

Dopo l'offensiva di Idlib del marzo 2015, l'alleanza ribelle, guidata dal Fronte al-Nusra e da Ahrar al-Sham, è riuscita nella seconda battaglia di Idlib ad espugnare la città, oltre ad assediare le città a maggioranza sciita di Al-Fu'ah e Kafriya a nord.

Nel mese di aprile 2015, fu proposta come sede provvisoria dell'opposizione siriana. Il 23 luglio 2017, le forze di Ahrar al-Cham abbandonarono Idlib e la città passò interamente sotto il controllo dei jihadisti di Hayat Tahrir al-Cham.

Nel settembre 2018 Russia e Turchia si accordarono su una zona demilitarizzata in Idlib, ma dopo l'escalation dei combattimenti che portarono all'espulsione degli integralisti - durante i quali, il 27 ottobre 2019, la zona è stato il luogo della morte del califfo Abu Bakr al-Baghdadi[1] - il governo siriano non ha riconosciuto tali accordi[2] ed ha iniziato la sua avanzata militare per riconquistare la città[3], con seguito di gravi effetti sulla popolazione civile[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140887812 · LCCN (ENn96073424 · GND (DE4256813-4