Hugo Banzer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hugo Banzer
Parag.1451.Banzer.jpeg

Presidente della Bolivia
Durata mandato 6 agosto 1997 –
7 agosto 2001
Vice presidente Jorge Quiroga
Predecessore Gonzalo Sánchez de Lozada
Successore Jorge Quiroga

Durata mandato 21 agosto 1971 –
21 luglio 1978
Predecessore Gonzalo Sánchez de Lozada
Successore Jorge Quiroga

Dati generali
Partito politico Azione Democratica Nazionalista

Hugo Banzer Suárez (Concepción, 10 maggio 1921Santa Cruz de la Sierra, 5 maggio 2002) è stato un militare e politico boliviano.

Divenne presidente della repubblica in due occasioni: una volta a seguito di un colpo di Stato e un'altra a seguito di elezioni.

Prima presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Anche con l'appoggio, ritirato in un secondo tempo, di alcuni partiti democratici, nel 1971 realizzò un colpo di Stato destituendo il generale Juan José Torres Gonzáles, successivamente assassinato in esilio in Argentina. Banzer è stato più volte accusato di essere il mandante dell'omicidio.

Mantenne la presidenza fino al 1978, quando venne destituito da un altro colpo di Stato.

Durante la dittatura si realizzarono numerose violazioni dei diritti umani, vennero uccisi, in patria e all'estero, numerosi oppositori, o presunti tali, e si portò avanti una politica economica incentrata nel forte indebitamento con organismi internazionali a beneficio di una ristretta gerarchia di alleati politici. Il prezzo di questa gestione economica, improntata sulla corruzione, verrà pagato dall'economia boliviana negli anni seguenti, con frequenti e forti crisi inflative e instabilità sociale.

Per i crimini commessi durante la sua dittatura non ha mai pagato alcun conto con la giustizia. Banzer è stato forse l'unico dittatore dell'epoca dell'Operazione Condor a non esser mai stato citato in patria dalla magistratura per i misfatti commessi.

Seconda presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Fondato un partito politico, ADN, Acción Democratica Nacionalista, Banzer partecipò a tutte le elezioni della Bolivia democratica dal 1982 al 1997. Tra il 1989 e il 1993, governò con il MIR, Movimiento de la Izquierda Revolucionaria, appoggiando l'elezione a presidente di Paz Zamora. Dopo alcuni anni di opposizione, il MIR restituì il favore appoggiando la sua elezione a presidente nel 1997.

Anche questa gestione presidenziale ottenne catastrofici risultati sull'economia nazionale, facendo precipitare il paese, dopo 15 anni di stabilità, in una crisi economica profonda. La forte e crescente corruzione del suo governo, appoggiato da numerosi partiti populisti, incentivò anche la crescita dei movimento sociali di opposizione, con la prima grande rivolta dell'acqua di Cochabamba, nel 2000.

Nel 2001, Banzer si dimise dalla presidenza per motivi di salute lasciando il posto al suo vicepresidente, Jorge Quiroga Ramírez. Morì qualche mese dopo (maggio 2002) a Santa Cruz de la Sierra.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze boliviane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 2000
Collare dell'Ordine pro Merito Melitensi (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine pro Merito Melitensi (SMOM)
— Roma, 25 giugno 2000[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito web del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN61669535 · LCCN: (ENn50032265 · ISNI: (EN0000 0000 6302 5409 · GND: (DE118506447 · BNF: (FRcb12671966k (data)