Hilda (serie animata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hilda
serie TV d'animazione
Hilda screenshot.png
Titolo della serie dalla sigla iniziale
Lingua orig.inglese
PaeseRegno Unito, Canada
RegiaAndy Coyle
ProduttoreSilvergate Media
StudioMercury Filmworks
ReteNetflix
1ª TV21 settembre 2018
Episodi13 (completa)
Durata ep.24 min
Generefantasy, avventura

Hilda è una serie animata anglo-canadese tratta dall'omonimo fumetto di Luke Pearson, pubblicata su Netflix il 21 settembre 2018.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie narra di Hilda, una ragazzina curiosa e coraggiosa che si diverte in mille avventure nella città di Trolberg, insieme ai suoi amici Frida e David, al suo cervolpe Twig, all'elfo Alfur e occasionalmente a sua madre e a tante altre creature particolari.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Titolo originale Titolo italiano[3] Pubblicazione originale Pubblicazione Italia
1 Chapter 1: The Hidden People Capitolo 1: La gente nascosta 21 settembre 2018 21 settembre 2018
2 Chapter 2: The Midnight Giant Capitolo 2: Il gigante di mezzanotte
3 Chapter 3: The Bird Parade Capitolo 3: La parata degli uccelli
4 Chapter 4: The Sparrow Scouts Capitolo 4: I passerotti esploratori
5 Chapter 5: The Troll Rock Capitolo 5: Il troll di pietra
6 Chapter 6: The Nightmare Spirit Capitolo 6: Lo spirito degli incubi
7 Chapter 7: The Lost Clan Capitolo 7: Il clan perduto
8 Chapter 8: The Tide Mice Capitolo 8: I topi della marea
9 Chapter 9: The Ghost Capitolo 9: Il fantasma
10 Chapter 10: The Storm Capitolo 10: La tempesta
11 Chapter 11: The House in the Woods Capitolo 11: La casa nella foresta
12 Chapter 12: The Nisse Capitolo 12: Il nisse
13 Chapter 13: The Black Hound Capitolo 13: Il cane nero

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Hilda, voce originale di Bella Ramsey, italiana di Veronica Cuscusa
  • Madre (Johanna), voce originale di Daisy Haggard, italiana di Giovanna Nicodemo
  • Frida, voce originale di Ameerah Falzon-Ojo, italiana di Clerissa Stefani
  • David, voce originale di Oliver Nelson, italiana di Barbara Villa
  • Alfur, voce originale di Rasmus Hardiker, italiana di Marco Briglione

Produzione e trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 giugno 2016 il The New Yorker ha fatto un breve cenno allo sviluppo della serie, annunciando che Netflix aveva in cantiere una serie animata di 12 episodi, basata sui primi 4 libri, che sarebbe stata pronta nel 2018.[4]

Sul blog ufficiale della Nobrow Press, il 21 giugno 2016, Luke Pearson e Sam Arthur, cofondatore della casa editrice, hanno annunciato che anche Silvergate Media avrebbe preso parte alla produzione della serie. In tale articolo Pearson aveva espresso il proprio entusiasmo nei confronti della trasposizione animata del fumetto, aggiungendo come Silvergate stesse facendo un lavoro molto attento ai dettagli, che sarebbe stato pronto per il pubblico entro un paio di anni[5]. La prima stagione è stata interamente distribuita su Netflix il 21 settembre 2018, in tutti i paesi in cui il servizio è disponibile.[1]

Nell'ottobre 2018 è stato annunciato che la serie è stata rinnovata per una seconda stagione.[6]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Davide Cantire, Hilda: trailer italiano per la serie Netflix tratta dal graphic novel di Luke Pearson, su Everyeye Serie TV, 14 settembre 2018. URL consultato il 3 novembre 2018.
  2. ^ (EN) Hilda - Listings, su The Futon Critic. URL consultato il 2 novembre 2018.
  3. ^ Hilda, su Netflix. URL consultato il 3 novembre 2018.
  4. ^ (EN) Alexandra Lange, Here Comes Hilda, su The New Yorker, 15 giugno 2016. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) Zoë, Nobrow Press - Hilda is coming to Netflix!, su Nobrow, 21 giugno 2016. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) Greg Lincoln, The Rundown: October 9, 2018, su Multiversity Comics, 9 ottobre 2018. URL consultato il 3 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]