Hermann Haller (scultore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zurigo: La ragazza con le braccia alzate

Hermann Haller (Berna, 24 dicembre 1880Zurigo, 23 novembre 1950) è stato uno scultore svizzero, tra i più conosciuti nei paesi di lingua tedesca [1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hermann Haller nacque a Berna nel 1880. Le sue prime esperienze artistiche furono nella pittura: con Heinrich Knirr a Monaco (ove ebbe modo anche di frequentare Paul Klee, già suo compagno di studi, destinato a divenire un personaggio importante dell'arte del XX secolo),[1] e con Leopold von Kalckreuth a Stoccarda.

Nel 1905, durante un soggiorno a Roma,[2] decise di dedicarsi alla scultura. Visse poi a Parigi, ove poté apprezzare le sculture di Auguste Rodin,[1] a Berlino e, nel 1915, si trasferì a Zurigo,[2] ove morì, a sessantanove anni, nel 1950.

Stile ed opere[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile di Haller si caratterizza per l'opposizione alla linea goticizzante di Lehmbruck e del suo timbro psicologico: i suoi soggetti, soprattutto dopo il 1930, si risolvono nei corpi in cui la sintesi plastica, non esente da geometrizzazioni, è accostabile al gusto formale di Maillol e Despiau.

Soggetto tipico dei suoi lavori sono i nudi femminili,[2] che foggia mettendo da parte il sentimento e le soprastrutture idealizzanti.[3] Tra le sue opere più note: La ragazza con le braccia alzate, statua posta su una stele presso la riva del lago di Zurigo, oltre ad alcune opere monumentali che decorano gli edifici e le piazze.

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fonte Dizionario storico della Svizzera, riferimenti in Collegamenti esterni.
  2. ^ a b c Fonte Enciclopedia Italiana, riferimenti in Bibliografia.
  3. ^ Le Muse, De Agostini, Novara, 1965, vol. 5 p. 465

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Haller, Hermann, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 12 giugno 2013.
  • «Haller, Hermann», la scheda, a cura di Beatrice Meier, nel Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 12 giugno 2013.
  • L'atelier di Hermann Haller Portale della città di Zurigo. URL consultato il 4 giugno 2014.
Controllo di autorità VIAF: (EN35248227 · ISNI: (EN0000 0000 8114 580X · LCCN: (ENn87120095 · GND: (DE118545167 · ULAN: (EN500000874