Herman Sörgel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Herman Sörgel

Herman Sörgel (Ratisbona, 2 aprile 1885Monaco di Baviera, 25 dicembre 1952) è stato un architetto e filosofo tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come architetto appartenne al movimento espressionista (Bauhaus) e come filosofo si occupò di teoria spaziale e questioni geopolitiche

Sörgel proveniva da una famiglia tecnicamente competente. Suo padre fu un pioniere nel campo della costruzione di centrali idroelettriche in Baviera.

Fu l'ideatore di Atlantropa, un continente utopico creato dalla costruzione di una diga che avrebbe dovuto chiudere lo stretto di Gibilterra. La sua idea richiedeva la chiusura dello stretto e quindi l'abbassamento del livello del mar Mediterraneo, sfruttando la differenza di livello tra Mediterraneo e oceano Atlantico per generare energia idroelettrica. L'idea di Sörgel di abbassare il livello del mare aumenterebbe le aree di terreno arido attorno al Mediterraneo.

Nel 1942, i nazisti proibirono a Sörgel la pubblicazione delle sue opere[1].

Sörgel morì il 25 dicembre 1952, poco tempo dopo essere stato investito da un'automobile, mentre sulla sua bicicletta si recava ad una lezione in una università di Monaco. L'incidente avvenne nella Prinzregentenstrasse di Monaco, una strada totalmente rettilinea, e il conducente dell'auto non fu mai identificato[1].

Alcuni anni dopo la sua morte, il progetto "Atlantropa" fu definitivamente abbandonato, soprattutto a causa dei rischi potenziali e delle prevedibili conseguenze negative che avrebbe avuto. Successive opere di geopolitica di Soergel (progetto del Congo e progetto del Chad come progetti complementari al progetto Atlantropa) sono probabilmente perse, così come gli archivi, a causa della chiusura nel 1960 dell'Istituto Atlantropa da lui fondato.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Einführung in die Architekturästhetik. Prolegomena zu einer Theorie der Baukunst, 1918
  • Theorie der Baukunst I. Architektur-Ästhetik, 3. Auflage, Piloty & Löhle, München 1921 (Nachdruck: Gebr. Mann, Berlin 1998, ISBN 3-7861-1992-9)
  • Entwurf zur Erziehungsreform des Gymnasions, Jenaer Volksbuchhandlung, Jena 1921
  • Reformentwurf zur einheitlichen Organisation der Hochbauschulen, 1921
  • Das Chilehaus, Hamburg. Architekt Fr. Höger (= Deutschlands Industrie und Handel; 1), Raue, Charlottenburg 1924
  • Wohnhäuser (= Handbuch der Architektur, IV. Teil, Halbband 2, Heft 1), 2. Auflage, 1927
  • Verirrungen und Merkwürdigkeiten im Bauen und Wohnen, Gebhardt, Leipzig 1929
  • Mittelmeer-Senkung, saharabewässerung, Panropaprojekt, Gebhardt, Leipzig 1929.1929
  • Das Haus fürs Wochenende, Gebhardt, Leipzig 1930
  • Atlantropa. Fretz & Wasmuth, Zürich / Piloty & Loehle, München 1932
  • Vorwort zu: Wayne W. Parrish: Technokratie – die neue Heilslehre, Piper, München 1933
  • Die drei großen A, Amerika, Atlantropa, Asien, 1938
  • Atlantropa-ABC. Kraft, Raum, Brot. Erläuterungen zum Atlantropa-Projekt, Arnd, Leipzig 1942
  • Atlantropa. Wesenszüge eines Projekts (= Atlantropa-Bibliothek; Band 1), Vorwort von John Knittel, Behrendt, Stuttgart 1948

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DE) Wolfgang Luef, Weltbauen gegen den Untergang, Datum, aprile 2006. URL consultato il 23 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69082971 · ISNI (EN0000 0001 2138 219X · LCCN (ENn80079518 · GND (DE117452629 · BNF (FRcb134878286 (data) · ULAN (EN500209431 · WorldCat Identities (ENn80-079518