Helmina von Chézy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Helmina von Chézy (1783-1856)

Wilhelmine Christiane de Chézy, (nata von Klenke), meglio conosciuta come Helmina (o Helmine) von Chézy (Berlino, 26 gennaio 1783Ginevra, 28 gennaio o 28 febbraio 1856), è stata una scrittrice, librettista e giornalista tedesca.

È ricordata soprattutto come autrice del libretto dell'opera lirica Euryanthe (1824) , messa in musica da Carl Maria von Weber[1][2][3][4], e come autrice di scritti a forte carattere psicologico[1]. Fu spesso soggetto di ritratti da parte di pittori romantici.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Helmina von Chézy

Wilhelmine Christiane von Klencke nacque a Berlino il 26 gennaio 1783.[1][2][3] Era figlia dell'ufficiale Karl Friedrich von Klenke e della scrittrice Karoline Karsch.[2]

In seguito però al divorzio dei genitori, avvenuto poco dopo la sua nascita, fu allevata dalla nonna, la poetessa Anna Luise Karsch.[2]

A soli sedici anni si sposò a soli sedici col barone Hastfer[1][2][3], ma il matrimonio durò solo pochi mesi[1][2].

Dopo il divorzio, si trasferì nel 1801 a Parigi[1][2][3], dove divenne amica di Madame de Genlis e dove conobbe anche Madame de Staël.[1].

In Francia pubblicò dal 1803 al 1897 il giornale Französische Miscellen[2][3] e scrisse in onore di Napoleone Bonaparte un poema intitolato Napoleonide[1] e - tra il 1805 e il 1807 - l'opera in due volumi Leben und Kunst in Paris[1][2][3], che però fu sequestrata su ordine dello stesso Napoleone[1][2].

Nel frattempo, nel 1803, si era sposata con Antoine Leonard de Chézy[1], uno studioso conosciuto grazie a Friedrich Schlegel [1]. Da De Chézy divorziò però sette anni dopo[1], a causa di una infatuazione per il poeta Chamisso[1][3].

Dopo il divorzio, visse a Heidelberg, Francoforte sul Meno, Aschaffenburg e Darmstadt.[2]

In seguito, nel 1817, si trasferì a Dresda. In quell'anno, scrisse il racconto Emmas Prüfung[1] o Emma und Eginhard[3] che ricevette le lodi del Tieck[1]

Quindi, nel 1823, si trasferì a Vienna, dove l'anno seguente scrisse il libretto di Euryanthe[1].

In seguito, si trasferì dapprima (1830) a Monaco di Baviera[3] e poi a Ginevra [3].

Nel 1858, pubblicò l'opera in due volumi Unvergessenes[1][3], opera che ritrae gli stati d'animo di quell'epoca[1].

Morì a Ginevra il 28 gennaio 1856[3] (28 febbraio 1856, secondo un'altra fonte[2]), all'età di 73 anni.

Opere (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Napoleonide
  • Leben und Kunst in Paris, 2 voll. (1805-1807)
  • Emmas Prüfung (1817)
  • Iduna (1820)
  • Euryanthe (1824)
  • Unvergessenes, 2 voll. (1858)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Gabetti, Giuseppe, CHÈZY, Helmine von, Enciclopedia Treccani. URL consultato il 29marzo 2016.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l (DE) Helmina von Chézy (Wilhelmine Christiane von Chézy), Kurzbiographie. URL consultato il 29marzo 2016.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l (DE) Chézy, Wilhelmine von,, geborene von Klencke, (Schriftstellername Helmina), Deutsche Biographie. URL consultato il marzo 2016.
  4. ^ Batta, András (a cura di), Opera. Autori - Opere - Interpreti (Opera - Komponisten, Werke, Interpreten), Könemann, 1999-2000, p. 840

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32029599 · ISNI (EN0000 0001 0884 8178 · LCCN (ENn82058439 · GND (DE119360659 · BNF (FRcb12125208j (data) · CERL cnp00405645