Hakima El Haite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hakima El Haite
حكيمة الحيطي
Hakima El Haite (cropped).jpg

Presidente dell'Internazionale Liberale
In carica
Inizio mandato 30 novembre 2018
Predecessore Juli Minoves Triquell

Ministro delegato per l'ambiente del Marocco
Durata mandato 13 ottobre 2013 –
5 aprile 2017
Capo di Stato Muhammad VI
Predecessore carica istituita
Successore Nezha El Ouafi

Dati generali
Partito politico Movimento Popolare
Titolo di studio Laurea in biologia e microbiologia, dottorato di ricerca in studi ambientali e ingegneria ambientale[1]
Università Università del Washington e Sidi Mohamed Ben Abdellah University

Hakima El Haite (in arabo: حكيمة الحيطي‎; Fès, 13 maggio 1963) è una politica e ricercatrice in scienze ambientali marocchina. Dopo aver ricoperto, dal 2013 al 2017, la carica di ministro delegato per l'ambiente, nel 2018 è stata eletta presidente dell'Internazionale Liberale, prima non europea a rivestire tale carica.[2]

Nel 2019, è tra i 490 firmatari di una petizione in favore delle libertà sessuali in Marocco, insieme alla scrittrice Leïla Slimani, alla regista Sonia Terrab e alla sociologa Sanaa El Aji, iniziativa presa in seguito all'arresto della giornalista Hajar Raissouni.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) La nouvelle charte environnementale de Tanger, in Tanger Experience, 22 novembre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  2. ^ (EN) Global Liberal family elects Hakima El Haite - LI's first president from Africa, su Liberal International. URL consultato il 2 aprile 2019.
  3. ^ (FR) Maroc : des centaines de femmes demandent un débat sur leurs libertés, Le Parisien, 23 settembre 2019.
  4. ^ (FR) Philippe Martinat, Mariage, avortement... «La société marocaine bouge», pour la sociologue Sanaa El Aji, Le Parisien, 26 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]