Ħaġar Qim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Hagar Qim)
Jump to navigation Jump to search
Ħaġar Qim
Hagar Qim northern temple.JPG
Vista del sito archeologico.
Localizzazione
StatoMalta Malta
Amministrazione
PatrimonioTempli megalitici di Malta
EnteHeritage Malta
Mappa di localizzazione
Coordinate: 35°49′40″N 14°26′32″E / 35.827778°N 14.442222°E35.827778; 14.442222
Il tempio di Ħaġar Qim

Il tempio di Ħaġar Qim (pronuncia hagiar im), che tradotto vuol dire la "pietra eretta" o "pietra del culto", fu scavato per la prima volta nel 1839 ed è stato datato alla fase di Tarxien (c. 3200-2500 a.C.). Si trova sulla sommità di una collina posta sul versante meridionale dell'isola di Malta, guardante il mare e la piccola isola di Filfola. Dista circa 2 km ver sud-ovest dal villaggio di Crendi. Nelle vicinanze di Ħaġar Qim si trova un altro luogo notevole dal punto di vista templare: Mnajdra. La zona circostante, tipica macchia mediterranea, è un parco archeologico atto a preservare le rovine, spesso devastate da vandali. Sono state fatte interessanti scoperte a Ħaġar Qim come un altare colonnare decorato, due altari a forma di lasta e diverse statuette raffiguranti una dea molto pingue, probabilmente raffigurazioni della Dea Madre, conservate ora al Museo nazionale di archeologia della Valletta.

Ħaġar Qim è una singola unità templare, tuttavia rimane nel dubbio se fosse stato costruito come una struttura a 4 o 5 lobi. Nelle vicinanze del tempio sorge un'altra piccola struttura a 3 lobi che, probabilmente, era il quartier generale dei sacerdoti o la casa dello sciamano. Altre rovine sorgono ad alcuni metri dal tempio principale. Lo stile costruttivo segue il modello tipico dell'arcipelago maltese, degno di nota è il fatto che alcuni blocchi sono dentellati per meglio incastrarsi con gli altri corsi di muratura. Tranne qualche blocco rimesso al suo posto perché crollato nessun altro tipo di intervento è stato fatto sul tempio.

Ħaġar Qim è uno dei Templi megalitici di Malta riconosciuti Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1992.

Il tempio megalitico è apparso in una moneta Euro commemorativa nel 2017.

L'ingresso sussidiario

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Entry at heritagemalta.org, su heritagemalta.org. URL consultato l'11 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2009).