Gustaf Fredrik Gyllenborg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gustaf Fredrik Gyllenborg. Litografia

Gustaf Fredrik Gyllenborg (Suinstad, 25 novembre 1731Stoccolma, 30 marzo 1808) è stato un poeta svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gustaf Fredrik Gyllenborg

Il suo percorso di studi culminò con la frequentazione dell'Università di Uppsala e di Lund, di cui divenne in seguito anche rettore.[1]

Assunse numerose cariche amministrative, come quella, nel 1751, di cancelliere dell'Ispettorato della giustizia e nel Consiglio della Camera nel 1762, oltre che membro del Consiglio delle banche dal 1777.

Entrò a far parte del movimento illuminista del Tankebyggarorden ("Ordine degli edificatori del pensiero") , uno dei primi gruppi letterari fondati da Carl Friedrich Eckleff.[2] e diresse in un primo tempo l'Accademia delle scienze e poi l'Accademia svedese.[3]

Ha iniziato la sua carriera letteraria come satirico sulle linea di modelli quali Orazio, Giovenale e Nicolas Boileau, ricevendo progressivamente una sempre maggiore influenza di Rousseau.[1]

Nei suoi lavori più riusciti, Verldsföraktaren ("Il dispregiatore del mondo"), Ode öfver själens styrka ("La forza dell'anima"), Vinter-Qvädet ("Canone d'inverno"), Menninskians elände ("La miseria dell'uomo"), si dimostrò uno scrittore di ispirazione coraggiosa e austera, in aggiunta all'abilità di aver effettuato una mirabile saldatura poetica della tradizionale forma della letteratura svedese con le innovazioni provenienti dalla Francia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c le muse, V, Novara, De Agostini, 1964, p. 456.
  2. ^ GUSTAF FREDRIK GYLLENBORG, Litteraturbanken (Swedish)
  3. ^ Svenska Akademien Archiviato il 15 marzo 2014 in Internet Archive. registro dei membri (SV)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (SV) Sten Högnäs, Människans nöjen och elände: Gyllenborg och upplysningen, Lund, Libris, 1988.
  • (SV) Sven Lange e Röhl Magnus, Furstligt och folkligt: om Gyllenborgs Birger Jarl och Hallmans Skeppar Rolf, Stoccolma, Libris, 1986.
  • (SV) Gardar Sahlberg, Gustaf Fredrik Gyllenborg: hans liv och diktning under frihetstiden, Stoccolma, Gebers, 1943.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72193549 · ISNI (EN0000 0001 0654 9131 · GND (DE118941194 · BNF (FRcb12411638x (data) · BAV (EN495/210468 · CERL cnp00542938 · WorldCat Identities (ENviaf-72193549
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie