Guido Rampoldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guido Rampoldi (Roma, 1952) è un giornalista e scrittore italiano, vincitore del Premio Bagutta, sezione opera prima, nel 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1987 al 2011 ha seguito tutti i più importanti eventi di politica estera, prima per "La Stampa" e poi per "La Repubblica". Inviato speciale, editorialista e war-correspondent, ha vinto alcuni tra i maggiori premi di giornalismo, tra i quali il Barzini e il Mad David. Laureato in Filosofia, ha pubblicato saggi sullo sterminio come pratica ‘politica' dal dopoguerra ad oggi (L'innocenza del Male, Laterza 2004) e sull'uso politico degli idrocarburi nel mondo contemporaneo (I giacimenti del potere, Mondadori 2006). Un suo romanzo ambientato in Afghanistan (La mendicante azzurra, Feltrinelli 2008) ha vinto il Premio Bagutta opera prima. Il suo successivo romanzo (L'acrobata funesto, Feltrinelli 2012) è stato letto come una satira del giornalismo corrente. Dal 2015 collabora con "Il Fatto quotidiano".

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]