Guido Cinotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Salute, Venezia

Guido Cinotti (Siena, 29 dicembre 1870Milano, 18 gennaio 1932) è stato un pittore italiano, noto prevalentemente come paesaggista e realizzatore di nature morte. [1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In giovane età si trasferì a Milano, dove frequentò i corsi di formazione artistica presso Brera, prima d'intraprendere un periodo di addestramento insieme ad un gruppo di giovani pittori guidati dall'umbro Annibale Brugnoli.[1]

Tra i vari lavori decorativi figurarono la ristrutturazione del Teatro Lirico di Milano, che anticipò di qualche anno i lavori decorativi svolti presso il corso Vittorio Emanuele, vero esempio di liberty novecentesco.[1]

La sua prima fase pittorica si inserì in un contesto stilistico e formale verista, ben rappresentato dalle opere I maiali (1894) e Tramonto d'aprile (1903).[1] I maiali vinse il premio Mylius dell'Accademia di Brera nel 1896, con la seguente motivazione: «per il colorito robusto (...) ed il complesso della composizione e l'effeto della luce».[2]

Successivamente aderì per un breve periodo al divisionismo, come evidenziarono il Lamento ed i Conigli, con il quale vinse il premio Mylius dell'Accademia di Brera nel 1894.[3]

Nella fase seguente Cinotti, grazie alla tecnica pittorica a spatola e ad una accurata ricerca cromatica, raggiunse un momento di grande creatività, concretizzata con una serie di quadri di fiori. Il suo personalissimo stile risultò caratterizzato dalla saldatura tra lo stile liberty e quello del Monticelli.[1]

Abituato a firmare i dipinti solo una volta usciti dallo studio, alla sua morte lasciò svariate opere non firmate: l'autenticazione venne affidata dalla vedova, Cena, agli amici Carlo Bazzi e Angiolo D'Andrea[4]. Sua figlia, nata nel 1920, fu la storica dell'arte Mia Cinotti (vero nome Amalia), tragicamente morta suicida nel 1992[5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e le muse, III, Novara, De Agostini, 1964, p. 309.
  2. ^ Studio di maiali - Cinotti, Guido, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 giugno 2018.
  3. ^ Guido Cinotti, su museodelpaesaggio.it. URL consultato il 24 giugno 2018.
  4. ^ Raffaele De Grada (a cura di), Il Novecento a Palazzo Isimbardi, Fabbri Editori, 1988, p. 53.
  5. ^ Mia Cinotti | la vie en beige, su lavienbeige.wordpress.com. URL consultato l'11 giugno 2017.
  6. ^ (EN) MILANO Sparita - Page 3722 - SkyscraperCity, su www.skyscrapercity.com. URL consultato l'11 giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie