Guglielmo Felice Damiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guglielmo Felice Damiani (Morbegno, 25 ottobre 1875Napoli, 23 ottobre 1904) è stato un poeta e pittore italiano.

Dopo aver studiato a Como e all'Università di Pavia ha insegnato a Celana, Mortara e poi a Napoli.

Studiò con grande rigore il poeta postellenistico Nonno di Panopoli e il Cavalier Marino, noto poeta barocco da cui scaturisce la sua opera di maggior pregio: Studio sopra la poesia del cavalier Marino.

Poeta gentile e malinconico, ha pubblicato una raccolta di idilli intitolata Le due fontane (1899) e la raccolta di versi La casa paterna (1903).

Dopo la sua morte fu il poeta chiavennasco Giovanni Bertacchi a raccogliere le sue poesie assieme a degli inediti in due volumi intitolati Lira spezzata (1907 e 1912).

Morì appena ventinovenne a Napoli il 23 ottobre 1904.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guglielmo Felice Damiani, La casa paterna, Remo Sandron - Editore 1903.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN89378114 · SBN: IT\ICCU\CFIV\159056 · BAV: ADV11115680