Grotta Polesini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grotta Polesini
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
ComuneTivoli Tivoli
Uso abitativopaleolitico
Data scoperta1953
Coordinate41°57′32.62″N 12°45′48.73″E / 41.959061°N 12.763535°E41.959061; 12.763535Coordinate: 41°57′32.62″N 12°45′48.73″E / 41.959061°N 12.763535°E41.959061; 12.763535
Mappa di localizzazione: Lazio
Grotta Polesini
Grotta Polesini

La Grotta Polesini è una grotta che si trova nei pressi dei fume Aniene, poco distante dal Ponte Lucano, nel comune di Tivoli, nella Città metropolitana di Roma Capitale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Grotta fu scoperta nel 1953 dal'archeologo italiano Antonio Mario Radmilli che la chiamò così in onore del marchese Francesco Polesini di Parenzo d'Istria.[1]

I reperti hanno permesso di determinare che il sito è stato abitato tra i 10.000 ed i 12.000 anni fa. Gli scavi hanno riportato alla luce numerosi frammenti d'ossa di animali, soprattutto di cervi e cinghiali, resti umani, riferibili a circa 14 individui,[2] e reperti fittili, i più importanti dei quali risultano incisi con rappresentazioni di forme d'animali.[3]

Queste manifestazioni artistiche paleolitiche sono oggi esposte in una sezione dedicata del Museo nazionale preistorico etnografico Luigi Pigorini, dell'EUR a Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Grotta sul sito Tibursuperbum
  2. ^ La Grotta sul sito Sapere
  3. ^ La Grotta sul sito dei Beniculturali, su museocivilta.beniculturali.it. URL consultato il 13 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2020).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Mario Radmilli (1974), Gli scavi nella Grotta Polesini a Ponte Lucano di Tivoli e la più antica arte nel Lazio. Sansoni, Firenze.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]