Grande Bidello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grande Bidello
Sir Oliver Skardy - Grande Bidello (Copertina).JPG
ArtistaSir Oliver Skardy
Tipo albumStudio
Pubblicazione2004
Duratamin : s
Dischi1
Tracce17
GenereReggae
Reggae fusion
Rock
Etichettaalma music amp lion 0010 cd
ProduttoreGianluca Ballarin, Leonardo Di Angilla, Sir Oliver Skardy
RegistrazioneStudio Montuno Bay e Exit Studio di Venezia
Sir Oliver Skardy - cronologia
Album precedente
Album successivo

Grande Bidello è il primo album solista di Sir Oliver Skardy, pubblicato nel 2004.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il primo lavoro solista di Skardy si pone in continuità con l'esperienza musicalmente reggae e in lingua veneziana, seppur qui molto contaminata da lunghe escursioni nella lingua italiana, fatta dal musicista nei Pitura Freska[1].

Si nota, oltre al tono ironico, quello polemico contro una realtà dominata dai mass media, a cui alludono il titolo e la copertina (anch'essa ideata da Skardy) dell'album, con chiaro riferimento al reality show Grande Fratello[2].

La traccia più nota, Bideo, title track del disco, è quella più autobiografica: essa parla della professione di Skardy, impiegato come bidello presso l'Istituto Statale d'Arte di Mestre; non mancano i consueti tratti di polemica sociale, qui nello specifico contro lo stato di degrado delle scuole statali e gli stipendi dei direttori.

Polemica sociale che si acuisce in Nord Est, ritratto della società veneta contemporanea, che dalla povertà di una tradizionale economia agricola è passata a una ricchezza imprenditoriale eccessivamente esaltata, che sotto sembra nascondere vuoti culturali: ecco che nel ritornello si trovano versi come sono l'uomo della foresta / al piantatuberi che se ha montà la testa. Il tema dell'apparenza, qui toccato, si approfondisce in Sex symbol.

La critica al potere politico trova spazio in Super Skank (canzone esclusa dal Festival di Sanremo 2004), ma anche in Ah mi no so miga, che riprende il tema della più famosa Marghera (Na bruta banda, 1991) dei Pitura Freska: la liberalizzazione delle droghe leggere; in questo brano Skardy elenca una serie di proibizioni dietro le quali si nasconderebbe solo un'azione repressiva del potere, impegnato a nascondere le proprie più gravi malefatte: i veri delinquenti sta bei stravacai/per rompere il tedio perseguitemo i s-ciopai.

Trovano spazio anche tematiche più disimpegnate e licenziose: quella sessuale si ritrova in brani come Lap dance e Tettakiller. Il tema amoroso invece è quello di Stella, il capitolo più lirico dell'album, alle cui atmosfere contribuiscono le voci di Farida e Sara Montanari.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Radio maranza – 3:02
  2. Bideo – 3:52
  3. Super skank – 3:45
  4. Bluff – 4:23
  5. Nord Est – 3:29
  6. Ah mi no so miga – 4:24
  7. Break deca – 0:22
  8. Sex symbol – 3:16
  9. Lap dance – 3:13
  10. Tetta killer – 3:33
  11. Break tandui – 0:11
  12. El xe U (Break on through) – 2:35
  13. Do mie – 4:07
  14. Break tanka – 0:20
  15. Ketchup – 3:55
  16. Stella – 3:44
  17. Competition generation – 1:37

Artisti e musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Musiche e testi: Sir Oliver Skardy (eccetto Radio maranza, con Ballarin e Di Angilla, ed El xe U (Break on through), tratta da un brano dei Doors)
  • Voce: Sir Oliver Skardy

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ recensione di rockon.it[collegamento interrotto]
  2. ^ recensione di italianissima.net Archiviato il 22 giugno 2010 in Internet Archive.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]