Gran Premio motociclistico della Germania Est 1962

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Germania Est GP della Germania Est 1962
107º GP della storia del Motomondiale
8ª prova su 11 del 1962
Hohenstein-Ernstthal Sachsenring circuit map.png
Data 19 agosto 1962
Nome ufficiale 5° GP della Germania Est
Luogo Sachsenring
Percorso 8,731 km
circuito stradale
Risultati
Classe 500
100º GP nella storia della classe
Distanza 16 giri, totale 139,696 km
Pole position Giro veloce
Regno Unito Mike Hailwood
MV Privat in 3'06.9
Podio
1. Regno Unito Mike Hailwood
MV Privat
2. Regno Unito Alan Shepherd
Matchless
3. Austria Bert Schneider
Norton
Classe 350
90º GP nella storia della classe
Distanza 15 giri, totale 130,965 km
Pole position Giro veloce
Rhodesia Jim Redman
Honda
Podio
1. Rhodesia Jim Redman
Honda
2. Regno Unito Mike Hailwood
MV Privat
3. Irlanda del Nord Tommy Robb
Honda
Classe 250
87º GP nella storia della classe
Distanza 14 giri, totale 122,234 km
Pole position Giro veloce
Regno Unito Mike Hailwood
MZ
Podio
1. Rhodesia Jim Redman
Honda
2. Regno Unito Mike Hailwood
MZ
3. Germania Est Werner Musiol
MZ
Classe 125
84º GP nella storia della classe
Distanza 12 giri, totale 104,772 km
Pole position Giro veloce
Svizzera Luigi Taveri
Honda
Podio
1. Svizzera Luigi Taveri
Honda
2. Rhodesia Jim Redman
Honda
3. Germania Est Hans Fischer
MZ
Classe 50
7º GP nella storia della classe
Distanza 5 giri, totale 43,655 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Jan Huberts
Kreidler
Podio
1. Paesi Bassi Jan Huberts
Kreidler
2. Giappone Mitsuo Itoh
Suzuki
3. Nuova Zelanda Hugh Anderson
Suzuki

Il Gran Premio motociclistico della Germania Est fu l'ottavo appuntamento del motomondiale 1962, la quinta edizione con questo nome ma solo la seconda valida per il motomondiale.

Si svolse il 19 agosto 1962 sul Sachsenring ed erano in programma tutte le cinque classi disputate in singolo ma non erano presenti i sidecar. Per quanto riguarda la classe regina si tagliò il traguardo del centesimo gran premio disputato da quel primo Tourist Trophy 1949 che fu la prima prova della storia.

Le vittorie furono di Mike Hailwood su MV Agusta nella classe 500 e dei piloti Honda Jim Redman in 350 e 250 nonché Luigi Taveri in 125. Nella classe di minor cilindrata, la 50 si impose invece la Kreidler condotta da Jan Huberts.

Da registrare, dopo la presenza occasionale avvenuta l'anno precedente, la presenza del primo costruttore sovietico, registrato come CKEB (sigla traducibile in italiano come "Ufficio Centrale di Costruzione e Sperimentazione"). Sempre in questa prova si ripresentò alle gare anche il costruttore di casa, la MZ.

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Furono 27 i piloti al via della prova e di essi 14 vennero classifica al traguardo; tra i ritirati Jack Findlay e Jack Ahearn[1].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1 Regno Unito Mike Hailwood MV Agusta 51:00.7 8
2 Regno Unito Alan Shepherd Matchless +1:37.3 6
3 Austria Bert Schneider Norton +2:09.4 4
4 Cecoslovacchia František Šťastný Jawa +2:09.9 3
5 Sudafrica Paddy Driver Norton +2:10.7 2
6 Germania Roland Föll Matchless +3:04.9 1
7 Regno Unito Roy Ingram Norton +3:24.1
8 Canada Mike Duff Matchless +1 giro
9 Paesi Bassi William Van Leeuwen Norton +1 giro
10 Ungheria György Kurucz Norton +1 giro
11 Regno Unito Vernon Cottle Norton +1 giro
12 Regno Unito Graham Smith Norton + 2 giri
13 Svezia Bosse Granath Norton + 2 giri
14 Austria Alfred Worel BSA + 4 giri

Classe 350[modifica | modifica wikitesto]

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1 Rhodesia Jim Redman Honda 49' 45" 7 8
2 Regno Unito Mike Hailwood MV Privat +46" 6 6
3 Irlanda del Nord Tommy Robb Honda +1' 09" 4
4 Cecoslovacchia Gustav Havel Jawa +1' 09" 4 3
5 Canada Mike Duff AJS 2
6 Unione Sovietica Nikolaj Sevast'ânov CKEB 1

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1 Rhodesia Jim Redman Honda 46' 21" 8 8
2 Regno Unito Mike Hailwood MZ +0" 3 6
3 Germania Est Werner Musiol MZ +1' 38" 7 4
4 Giappone Moto Kitano Honda +1 giro 3
5 Unione Sovietica Nikolaj Sevast'ânov CKEB 2
6 Regno Unito Dan Shorey Bultaco 1

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Come era già accaduto nella gara precedente nell'Ulster, la gara dell'ottavo di litro fu molto combattuta, con i primi tre piloti giunti al traguardo nello spazio di sette decimi di secondo.

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1 Svizzera Luigi Taveri Honda 43' 58" 3 8
2 Rhodesia Jim Redman Honda + 0" 3 6
3 Germania Est Hans Fischer MZ + 0" 7 4
4 Irlanda del Nord Tommy Robb Honda + 1' 06" 8 3
5 Germania Est Klaus Enderlein MZ + 1' 11" 8 2
6 Germania Est Werner Musiol MZ + 1' 31" 7 1

Classe 50[modifica | modifica wikitesto]

Infortunatosi nella gara precedente dell'Ulster, il pilota in testa alla classifica mondiale Ernst Degner era assente, evitando così peraltro anche qualsiasi problematica politica dopo il suo passaggio in Germania Occidentale dell'anno precedente.

Arrivati al traguardo (prime 9 posizioni)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1 Paesi Bassi Jan Huberts Kreidler 21' 36" 1 8
2 Giappone Mitsuo Itoh Suzuki +4" 1 6
3 Nuova Zelanda Hugh Anderson Suzuki +11" 1 4
4 Svizzera Luigi Taveri Honda +11" 3 3
5 Irlanda del Nord Tommy Robb Honda 2
6 Regno Unito Dan Shorey Kreidler 1
7 Giappone Kenjiro Tanaka Honda
8 Germania Est Walter Brehme MZ
9 Germania Est Erhard Krumpholz MZ

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1962
Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of East Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Finland.svg Flag of Argentina.svg
  Fairytale up blue-vector.svg

Edizione precedente:
1961
Gran Premio motociclistico della Germania Est
Altre edizioni
Edizione successiva:
1963
Moto Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto