Gneo Cornelio Dolabella (console 81 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gneo Cornelio Dolabella
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Cnaeus Cornelius Dolabella
Gens Cornelia
Consolato 81 a.C.

Gneo Cornelio Dolabella (in latino: Cnaeus Cornelius Dolabella) (... – ...) fu un politico e un militare della Repubblica romana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le notizie riguardo alla sua vita sono particolarmente scarse. Dopo aver prestato servizio come comandante della flotta sotto Lucio Cornelio Silla durante la guerra contro Mitridate VI del Ponto, divenne console nell'81 a.C. Fu poi governatore della Macedonia con imperium proconsolare, e nel 78 a.C. gli fu concesso il trionfo.[1] Nel 77 o nel 76 a.C. fu accusato di concussione dal giovane Gaio Giulio Cesare. Per quanto improbabile che Dolabella fosse rimasto "puro" durante le proscrizioni sillane, fu assolto grazie all'abilità oratoria degli avvocati da cui era assistito.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Canfora, op. cit., p. 439.
  2. ^ Canfora, op. cit., p. 7.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Gneo Papirio Carbone III
e
Gaio Mario il Giovane
(81 a.C.)
con Marco Tullio Decula
Lucio Cornelio Silla
e
Quinto Cecilio Metello Pio