Giuseppe Selvaggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Selvaggi (Cassano all'Ionio, 29 agosto 1923Roma, 26 febbraio 2004) è stato un giornalista e poeta italiano.

È stato giornalista parlamentare per "Il Tempo" ed "Il Messaggero" e direttore delle riviste culturali "Idea" e "Pianeta" (edizione italiana della francese "Planète") e della rivista d'arte "Il Patio" della quale è anche fondatore.

Tra le sue sillogi di poesie vi sono "Fior di notte", "Canti ionici", "L'italiano nuovo" e "Corpus" (1984). Nella critica d'arte ricordiamo il suo "Cento Pittori e una modella" e nel campo dei reportages giornalistici "Sette corrispondenze calabresi", una delle quali è un'intervista al famoso boss Frank Costello (Francesco Castiglia).

Eventi Culturali[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 1963, al concorso “Pittura in Ciociaria” presso l'Abbazia di Casamari, è componente della giuria presieduta da Giorgio De Chirico insieme con Eliano Fantuzzi, Felice Ludovisi, Franco Miele, Michele Rosa, Claudia Refice, Carlo Savini, Gisberto Ceracchini[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90137676 · ISNI (EN0000 0001 1683 8922 · SBN IT\ICCU\CFIV\041440 · GND (DE143720848