Giovanni Patroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Patroni (Napoli, 20 settembre 1869Celleno, 13 agosto 1951) è stato un archeologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Napoli da Domenico e Giacinta Barone, conseguì la laurea in lettere con il massimo dei voti e lode nel 1890 con Giulio De Petra. Fu allievo della Scuola superiore di archeologia di Roma.[1]

Nel 1901 fu nominato direttore del Museo di Cagliari e degli scavi di Sardegna. Nel 1902 vinse la cattedra di archeologia nell'Università di Pavia, dove fu professore straordinario fino al 1905, e, poi, professore ordinario sino al 1926.[1]

Nel 1911 sposò a Lugano la bernese Adelaide Maria Luise Dick.[1]

Morì assassinato il 13 agosto 1951 a Celleno a causa di un tentativo di rapina.[1]

Il Museo archeologico comunale di Pula in Sardegna è intestato a suo nome.

Pubblicazioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Di una nuova orientazione dell'archeologia nel più recente movimento scientifico. In: Rendiconti della Accademia dei Lincei Ser. 5, 8 (1899), S. 221–240.
  • Scavi e scoperte archeologiche nell'Italia del Nord. Accademia Nazionale dei Lincei, Roma 1908.
  • Architettura preistorica generale ed italica. Architettura etrusca. Istituto italiano d’arti grafiche, Bergamo 1941
  • La preistoria, 2 Bde., Vallardi, Milano 1937
  • Studi di mitologia mediterranea ed omerica. Hoepli, Milano 1951
  • Commenti mediterranei all'Odissea di Omero. Marzorati, Milano 1950

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Fabrizio Vistoli, s.v.: “Patroni Giovanni”, in Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 81, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2014, S. 742–744.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Plinio Fraccaro: Giovanni Patroni. In: Studi Etruschi Ser. 2, 21 (1950–51) S. 498–500.
  • Giulio Quirino Giglioli: Giovanni Patroni. In: Archeologia classica 3 (1951) S. 242–244.
  • Giovanni Lilliu: Giovanni Patroni. In: Studi Sardi 10–11 (1952) S. 609–616.
  • Silvio Accame: La "breve disputa" sull'archeologia di G. De Sanctis e di G. Patroni. In: Nona miscellanea greca e romana. Rom 1984, S. 343–356.
  • Fabrizio Slavazzi: "Io [...] ho perduta tutta la mia biblioteca". Una lettera di Paolo Orsi a Giovanni Patroni e i rapporti fra i due archeologi. In: Acme. Annali della Facoltà di lettere e filosofia dell'Università degli studi di Milano 53 (2000) S. 279–294.
  • Fabrizzio Slavazzi: Giovanni Patroni: gli anni milanesi. In: Pier Giuseppe Michelotto (Hrsg.): Lógios anēr. Studi di antichità in memoria di Mario Attilio Levi. Milano 2002, S. 449–467.
  • Marcello Barbera: Contributo a una geneaologia degli archeologiitaliani tra Ottocento e Novecento: il caso di Pavia. In: Giancarlo Mazzoli (Hrsg.): Anniversari dell'antichistica pavese. Cisalpino, Milano 2009, S. 43–45.
  • Fabrizio Vistoli, PATRONI, Giovanni, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 81, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44662027 · ISNI (EN0000 0000 6142 3825 · GND (DE1055090533 · BNE (ESXX1391012 (data) · BAV (EN495/151560 · WorldCat Identities (ENviaf-44662027