Giovanni De Censi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni De Censi (Berbenno di Valtellina, 1º marzo 1938) è un banchiere e dirigente d'azienda italiano, ex presidente del Credito Valtellinese ed ex membro del Consiglio di Sovrintendenza dello IOR, istituto bancario con sede nello Stato della Città del Vaticano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato in ragioneria e laureato in Scienze Politiche presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, inizia la carriera bancaria nel 1958, quando viene assunto presso il Credito Valtellinese. Dopo una breve parentesi altrove, nel 1968 rientra al Credito Valtellinese, dove, nel 1975, diventa vicedirettore generale, e successivamente, direttore generale fino al 1996. Quindi amministratore delegato fino al 2003 e presidente fino all'aprile 2016.[1] Da allora è presidente onorario della banca, nel cui ambito è consigliere d'amministrazione dal 1994.

È fratello del sacerdote salesiano don Ugo De Censi, fondatore dell'Operazione Mato Grosso.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 31 maggio 2010[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Assemblea del Creval, De Censi lascia la presidenza, su laprovinciadisondrio.it. URL consultato il 31 gennaio 2018.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Video Intervista, su vaol.it. URL consultato il 14 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2007).
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie