Gioco equo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In probabilità, si definisce gioco equo il gioco di probabilità che paga al vincitore una vincita pari all'importo giocato moltiplicato per il reciproco della probabilità di vittoria.[1]

Per esempio, scommettendo 1 € a testa o croce sulla possibilità che esca testa, se si verifica l'evento, che ha probabilità 1/2, perché il gioco sia equo il vincitore deve ricevere un premio di 2 € (1 * 2).

Non è solitamente equo il gioco delle tre campanelle - anche nel caso che venga fatto senza trucchi -, perché il vincitore generalmente riceve una somma pari al doppio di quanto giocato, quando invece la probabilità di vincere è 1 su 3. La vincita deve essere pari al triplo dell'importo giocato perché il gioco sia equo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://matematica.unibocconi.it/articoli/il-calcolo-delle-probabilit%C3%A0-e-la-teoria-dei-giochi
Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica