Gioco equo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In probabilità, si definisce gioco equo il gioco nell'ambito del quale si paga al vincitore una somma Q pari all'importo giocato S diviso per la probabilità di vittoria p.[1]

. Per esempio, scommettendo 1 € a 'testa o croce' sulla possibilità che esca testa, se si verifica l'evento, che ha probabilità , perché il gioco sia equo il vincitore deve ricevere un premio di 2 € . Ne consegue che nel lancio di un dado una vincita pari a 5 (cinque) volte la posta penalizza il giocatore, giacché la probabilità di vincita è pari a 1/6. In questo (e in tanti altri casi) parlare di 'fortuna' significa ignorare (con dolo se chi parla è il 'banco') elementari principi della teoria della probabilità.

Inoltre non è equo il gioco delle tre campanelle se il vincitore riceve una somma pari al doppio di quanto giocato, perché la probabilità di vincere è 1 su 3. La vincita deve essere pari al triplo dell'importo giocato perché il gioco sia equo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica