Giancarlo Perbellini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giancarlo Perbellini (Bovolone, 1964) è un cuoco italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bovolone, in provincia di Verona, inizialmente lavora nella pasticceria di famiglia. Conclusi gli studi alla scuola alberghiera di Recoaro Terme, avvia le prime esperienze come cuoco nei ristoranti "Marconi", "Desco" e "12 Apostoli" a Verona e al "San Domenico" di Imola. Prosegue la sua formazione da "Traillevent" a Parigi, all'"Ambroisie" sotto la guida dello chef Bernard Pacaud e a "La Terrasse" di Juan Le Pins.

Nel 1989 rientra a Verona e inaugura il ristorante “Perbellini” a Isola Rizza, che nel 1996 ottiene la prima stella Michelin e nel 2002 la seconda. Con alcuni soci, apre cinque locali nel centro storico di Verona: la pizzeria gourmet "Du de Cope", la locanda "Quattro Cuochi", il ristorante "Al Capitan della Cittadella" di solo pesce, la cicchetteria "Tapasotto" e la pasticceria "Dolce Locanda".

Nel 2012 collabora al lancio del ristorante di Giovanni Rana a New York e nel 2014 viene chiamato a gestire il ristorante "La Locanda" di Hong Kong, per il gruppo indiano Dining Concepts.

Nel 2014 lascia Isola Rizza e inaugura a Verona il ristorante "Casa Perbellini"[1]. Lo stesso anno, viene contattato dal "JW Marriott" per aprire e dirigere il "Dopolavoro"[2] sull'Isola delle Rose a Venezia.

Dal 2006 al 2016, è stato presidente per l'Italia del concorso gastronomico "Bocuse d'Or". Dal 2016 è protagonista del programma televisivo "Casa Perbellini" in onda su Gambero Rosso Channel, mentre nel mese di marzo del 2018 inaugura il nuovo locale "Locanda Perbellini" a Milano. Il 20 giugno 2020 inaugura la "Locanda Perbellini al mare" a Montallegro, nella località balneare di Bovo Marina[3].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ristorante Perbellini (Isola Rizza)[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 stella. Guida Michelin MichelinStar.svg (1996)
  • 2 stelle. Guida Michelin MichelinStar.svg MichelinStar.svg (2002)
  • 3 forchette. Guida Gambero Rosso (2005)
  • 18/20 e premio "Pranzo dell'anno". Guida de L'Espresso (2006)
  • Premio ristoranti Top. Guida Touring Club (2002)
  • Premio miglior ristorante dell'anno. Guida Ristoranti BMW (2008)

Casa Perbellini (Verona)[modifica | modifica wikitesto]

  • 2 stelle. Guida Michelin[4] MichelinStar.svg MichelinStar.svg (2015)
  • 4 cappelli. Guida de L'Espresso (2016)
  • Olimpo della ristorazione. Guida Touring Club (2014; 2016)

Dopolavoro (Venezia)[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 stella. Guida Michelin MichelinStar.svg (2015)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Perbellini – Arte nella classicità (con Stefano Alfonsi), Giunti, 2014
  • In acqua e a vapore (con Stefano Alfonsi), Italian Gourmet, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Brigata, su Casa Perbellini. URL consultato l'8 giugno 2018.
  2. ^ Perbellini sbarca a Venezia, curerà la cucina del Jw Marriott, su Corriere del Veneto, 4 maggio 2015. URL consultato l'8 giugno 2018.
  3. ^ Livia Montagnoli, Apre in Sicilia Locanda Perbellini al mare. Lo chef veronese arriva sulla spiaggia di Bovo Marina, su gamberorosso.it, Gambero Rosso, 20 giugno 2020. URL consultato il 20 giugno 2020.
  4. ^ Lorenza Costantino, «Casa Perbellini», due stelle targate Michelin, in L'Arena, 12 dicembre 2015. URL consultato il 10 marzo 2019.