Giampaolo Musumeci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giampaolo Musumeci al Festival Le Livre à Metz

Giampaolo Musumeci (Carpi, 19 giugno 1972) è un giornalista, fotografo e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 consegue la Maturità Classica a Correggio, nel 1997 si laurea in economia all'Università di Modena ed inizia ad interessarsi a temi legati all'Africa, guerre ed emigrazione come fotografo. Successivamente ha cominciato a produrre reportage radiofonici e televisivi[1].

Ha iniziato a occuparsi di esteri nel 2004, quando si è recato in Algeria. Nel 2006 ha iniziato a occuparsi di rotte dell'immigrazione raccontando le partenze di migranti dalla Mauritania.

Nel 2009, realizza il reportage "Sopravvivere a Mogadiscio, la città più armata del mondo", assieme ad Ugo Borga e Matteo Fagotto, trasmesso in Italia da Sky TG 24[2] in Svizzera dalla radio Rete 2[3] della Radio Svizzera Italiana, in Gran Bretagna da Channel 4[4] e riportato sul quotidiano britannico The Independent[5] e sul settimanale tedesco Die Zeit[6].

Dal 2010 conduce il programma radiofonico "Nessun luogo è lontano" su Radio 24[7].

Nel 2014 è coautore, con Andrea Di Nicola, del libro di inchiesta "Confessioni di un trafficante di uomini", incentrato sugli interessi economici legati ai migranti e tradotto anche in Germania, Francia, Olanda[8], Polonia, Finlandia e Taiwan[9]. Il libro ha suscitato interesse sia a livello nazionale[10][11] che internazionale[12][13][14].

Sempre nel 2014 va in Yemen per un servizio sulle spose bambine[15] e produce il reportage "Congotales" assieme a Katia Marinelli, che presenta la situazione della Repubblica Democratica del Congo[16].

Nel 2015 è tra gli autori del programma L'erba dei vicini di Beppe Severgnini, trasmesso da Rai 3[17].

Nel 2016 collabora alla trasmissione di Rai 3 Politics - Tutto è politica[18].

Nel 2017, per la trasmissione "Laser" della Radio Svizzera Italiana, è per settimane nella città belga di Molenbeek[19].

Per due anni ha insegnato alla Scuola Civica di Cinema Luchino Visconti di Milano videoreportage, oltre che al Master di Radio24. Tiene spesso seminari, workshop e incontri presso Università Italiane e straniere.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Io, trafficante di uomini (2019) [20]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 - Premio Matano[21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, Giampaolo Musumeci, su rsi. URL consultato il 12 settembre 2017.
  2. ^ Sopravvivere a Mogadiscio, la città più armata del mondo | Sky TG24. URL consultato l'11 settembre 2017.
  3. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, 3 minuti a Mogadiscio, su rsi.ch. URL consultato l'11 settembre 2017.
  4. ^ (EN) Filming in Mogadishu – the world’s most dangerous city, in Channel 4 News. URL consultato l'11 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Inside the world's most hostile city, in The Independent, 3 dicembre 2009. URL consultato l'11 settembre 2017.
  6. ^ (DE) Matteo Fagotto, Ugo Borga e Giampaolo Musumeci, Reportage aus Mogadischu: Der Admiral ohne Schiff, in Die Zeit, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 settembre 2017.
  7. ^ Nessun luogo è lontano, su volontariperlosviluppo.it. URL consultato il 12 settembre 2017.
  8. ^ (NL) Anne Grietje Franssen en Marjon Op de Woerd, Mensensmokkelaars werken als geoliede reisbureaus, su Trouw, 22 aprile 2015. URL consultato il 30 luglio 2019.
  9. ^ Giampaolo Musumeci - Nessun luogo è lontano, su festivaldelgiornalismo.com. URL consultato il 1º settembre 2017.
  10. ^ "Confessioni di un trafficante di esseri umani", "Realizzo sogni, sono come Mosè" ma gli scafisti sono solo pedine, in Repubblica.it, 24 giugno 2014. URL consultato il 1º settembre 2017.
  11. ^ Lucilla Perelli Rizzo, Un terribile business - il secondo dopo la droga (PDF), RadiocorriereTV - RAI Radiotelevisione italiana, 2 marzo 2015, pp. 38 e 39. URL consultato il 1º settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2017).
  12. ^ Christiane Amanpour, Inside the mind of a Mediterranean smuggler (CNN), 23 aprile 2015. URL consultato il 1º settembre 2017.
  13. ^ Étonnants Voyageurs : une enquête édifiante sur les "Trafiquants d'hommes", in Culturebox. URL consultato il 1º settembre 2017.
  14. ^ (DE) Felix Stephan, Schleuser: "Für Flüchtlinge sind die Schlepper Helden", in Die Zeit, 21 aprile 2015. URL consultato il 12 settembre 2017.
  15. ^ Yemen: il dramma delle spose bambine, su Rainews. URL consultato il 12 settembre 2017.
  16. ^ Foto e storie dalla Repubblica Democratica del Congo - Il Post, in Il Post, 11 maggio 2014. URL consultato l'11 settembre 2017.
  17. ^ L'erba dei vicini - La Squadra, in L'erba dei vicini. URL consultato il 12 settembre 2017.
  18. ^ Politics, su rai.it. URL consultato il 12 settembre 2017.
  19. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, Molenbeek, un laboratorio nel cuore dell'Europa, su rsi.ch. URL consultato il 12 settembre 2017.
  20. ^ Io, trafficante di uomini | Teatro Sociale Bellinzona, su www.teatrosociale.ch. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  21. ^ Giornalisti: Premio internazionale 'Cristiana Matano', ecco i vincitori, su www.adnkronos.com. URL consultato il 24 agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN308229726 · ISNI (EN0000 0004 3378 2782 · LCCN (ENn2014021926 · GND (DE1066876304 · BNF (FRcb169778524 (data) · WorldCat Identities (ENn2014-021926