Giaime Pintor (giornalista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giaime Pintor (Roma, 1950Trieste, 10 novembre 1997) è stato un giornalista e critico musicale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Luigi Pintor, uno dei fondatori del quotidiano Il manifesto e nipote di Giaime Pintor, studiò al liceo classico "Terenzio Mamiani" di Roma. Dopo aver partecipato attivamente ai moti studenteschi del '68, negli anni settanta fu tra i fondatori (e primo direttore) della rivista Muzak che si occupava di musica e cultura giovanile, alla quale collaborarono tra gli altri Riccardo Bertoncelli e Lidia Ravera[1]. Militante dei Circoli Ottobre, gruppo vicino a Lotta Continua, nelle pubblicazioni musicali sostenne la tesi del collegamento tra la musica pop e le esigenze culturali del proletariato giovanile.

Ha pubblicato saggi sulla musica pop e sui cantautori in collaborazione con Gino Castaldo, Simone Dessì e Gianni Borgna, tra cui: C'era una volta una gatta, La chitarra e il Potere, Cercando un altro Egitto, Il futuro dell'automobile, dell'anidride solforosa e di altre cose, tutti pubblicati dalla Savelli editrice.

Muore nel 1997, per un incidente farmacologico in una situazione di malattia cronica (diabete), a Trieste, dove viveva da anni curando alcuni problemi di salute (appoggiato alla struttura ospedaliera di Barcola).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1976 - La Chitarra e il potere: gli autori della canzone politica contemporanea (Savelli editore)
  • 1976 - Cercando un altro Egitto. Canzonettiere ad uso delle giovani e giovanissime generazioni (Savelli editore)
  • 1977 - Il futuro dell'automobile, dell'anidride solforosa e di altre cose (Savelli editore)
  • 1980 - Dell'anidride solforosa e di altre cose (Savelli editore)
  • 1987 - La messa. Due millenni di musica sacra (Giunti Editore)

Note[modifica | modifica wikitesto]