Gemdet Nasr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gemdet Nasr
Sitting bull Louvre AO7021.jpg
Statuetta di marmo nero (originariamente intarsiata) di un toro seduto, trovata a Uruk, Periodo di Gemdet Nasr (ca. 3000 a.C.). Conservata al Museo del Louvre, Parigi.
CiviltàCiviltà sumera
UtilizzoCittà
EpocaIII millennio a.C.
Localizzazione
StatoIraq Iraq
CittàKutha
Scavi
Date scavi1926-1928 (Stephen Langdon)
1988-1989 (Roger J. Matthews)
ArcheologoStephen Langdon
Roger J. Matthews
Mappa di localizzazione

Coordinate: 32°43′04″N 44°46′46″E / 32.717778°N 44.779444°E32.717778; 44.779444

Mappa di localizzazione: Iraq
Gemdet Nasr
Gemdet Nasr
Localizzazione di Gemdet Nasr in Iraq.

Gemdet Nasr (o anche Jemdet Nasr) è un sito archeologico nella provincia di Babil in Iraq, situato a nordest di Babilonia e Kish e a est di Kutha.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gemdet Nasr è un tipico sito della Età del bronzo antico del sud della Mesopotamia. Dal sito prende il nome la "cultura di Gemdet Nasr" (o "periodo di Gemdet Nasr" o ancora "periodo predinastico"), che fiorì intorno agli anni 3100 a.C. - 2900 a.C.

Durante il periodo di Gemdet Nasr la scrittura fece la sua comparsa nel sud della Mesopotamia. I primi sigilli cilindrici cominciarono ad essere usati proprio in questo periodo. Contemporaneamente iniziò anche la cosiddetta Rivoluzione urbana e vari insediamenti si svilupparono fino a diventare le principali città.

Archeologia[modifica | modifica wikitesto]

Jemdet Nasr cylinder seal 1.jpg

Il sito di Gemdet Nasr fu esplorato a partire dal 1926 e 1928 da un gruppo di archeologi Inglesi e Americani guidati da Stephen Langdon. Gli oggetti ritrovati furono divisi fra l'Ashmolean Museum della Università di Oxford e l'Iraq Museum di Baghdad relativamente agli oggetti epigrafici mentre molte ceramiche finirono al Field Museum in Chicago.[1]

Secondo gli standard odierni, i reperti ritrovati furono scarsamente documentati e non adeguatamente analizzati e pubblicati. Uno sforzo è stato fatto a posteriori per documentare meglio il sito e per rendere pubbliche le informazioni provenienti dagli scavi e dagli oggetti di interesse archeologico lì ritrovati.[2]

Gli scavi del sito furono successivamente ripresi nel 1988 e 1989 da Roger J. Matthews e altri.[3][4][5]

Gli archeologi scoprirono un vasto edificio contenente un archivio di testi protocuneiformi su argilla con stampigli provenienti da Sigilli cilindrici. La ceramica, di tipo dipinta policroma, trovata nel sito è stata molto utile per determinare i livelli relativi al periodo di Gemdet Nasr in altri siti.

Il periodo di Gemdet Nasr è ritenuto dall'archeologo R. J. Matthews molto più corto, al più un secolo, del classico periodo 3200 a.C. - 2900 a.C. indicato dalla vecchia letteratura scolastica. La cultura di Gemdet Nasr fu preceduta dalla Periodo protoliterate B (3200 a.C. - 3100 a.C.) e fu contemporaneo con la Cultura Ninivita V del Nord mesopotamia e la Cultura Proto-elamita dell'Iran occidentale. Per la storiografia classica rappresenta la fase finale del Neolitico nel Sud della Mesopotamia e precede l'inizio della Storia dei Sumeri propriamente detta con la fase detta Periodo protodinastico (2900 a.C. - 2445 a.C.) propriamente detto.

Schema cronologico della rivoluzione urbana[6]
3500 Bassa
Mesopotamia
Alta
Mesopotamia
Iran
occidentale
Siria Anatolia
orientale
3200 antico Uruk

Uruk 14-9
Eridu 5-4

Gawra 11-10
Khuzistan: Susa B
Zagros: Godin 7
Fars: antico Banesh

Amuq F
Hama K

Malatya 7
3000 tardo Uruk

Uruk 8-4
Eridu 3-2
Nippur 16-15
Gawra 9
Ninive 4
Tell Brak ("tempio dell'occhio")
Khuzistan: tipo Uruk

Zagros: Godin 5-6
Fars: medio Banesh
Habuba Kebira
Gebel Aruda
Malatya 6A
Hassek
Kurban Hüyük 6
Mersin 14-13
2900 Gemdet Nasr

Uruk 3
Nippur 14-12
Gawra 8
Ninive 5
Khuzistan: Susa C
Zagros: Godin 4
Fars: tardo Banesh
Amuq G
Hama K
Malatya 6B
Kurban Hüyük 5
Mersin 12

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Ernest Mackay, Report on Excavations at Jemdet Nasr Iraq, Field Museum of Natural History Anthropology Memoirs, vol 1, no 1, Field Museum Press, 1931.
  2. ^ Roger Mathews, Defining the Style of the period: Jemdet Nasr, Iraq, Vol 54, pp. 1-34, 1992.
  3. ^ Roger Matthews, Excavations at Jemdet Nasr 1988, Iraq 51, pp 225-248, 1989
  4. ^ Roger Matthews, Excavations at Jemdet Nasr 1989, Iraq 52, pp 25-39, 1990.
  5. ^ Roger Matthews, Jemdet Nasr: the Site and the Period, Biblical Archaeologist 55, pp 196-203, 1992.
  6. ^ Liverani 2009, p. 147. Le date indicate si appoggiano alla cronologia media.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert K. Englund, The Proto-Cuneiform Texts from Jemdet Nasr 1, Mann Verlag, Gebrueder, 1991, ISBN 3-7861-1646-6 ((EN) ])
  • Roger Matthews, Secrets of the Dark Mound: Jemdet Nasr 1926-1928, Iraq Archaeological Reports 6, Aris & Phillips Ltd., 2002, ISBN 0-85668-735-9 (EN)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Storia dei Sumeri Successore
Periodo di Uruk
3400 a.C. - 3100 a.C.
3100 a.C. - 2900 a.C. Periodo proto-dinastico
2900 a.C. - 2445 a.C.
Controllo di autoritàVIAF: (EN236854988 · GND: (DE4130958-3
Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia