Gekiga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esempio di una figura in stile tradizionale (a sinistra) e una figura in stile gekiga (a destra)

Gekiga (劇画?) letteralmente “immagini drammatiche” definisce un genere di manga indirizzato ad un pubblico adulto che nasce e si sviluppa negli anni '60 in Giappone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tendenza ad un approccio progressista ai fumetti destinati ad adolescenti e giovani adulti nasce ad Osaka nel 1956 ad opera di autori che rifornivano il mercato delle Kashi-hon-ya (貸本屋? lett. libreria a noleggio), in particolare Masahiko Matsumoto e Yoshiro Tatsumi[1].

Il termine viene coniato per la prima volta nel 1957, nelle pagine dell’antologia Machi (? lett. Città)[1], da Yoshihiro Tatsumi (辰巳 ヨシヒロ?), con l'intenzione di distinguere opere rivolte ad un pubblico maturo dal manga tradizionale del dopoguerra rivolto a un pubblico molto giovane. Nel 1959, trasferitosi a Tokyo[1], con altri autori a lui affini, Tatsumi fonda il gruppo chiamato Studio Gekiga (劇画工房 gekiga kōbō?) assieme a Shōichi Sakurai (桜井 昌一?), Fumiyasu Ishikawa (石川 フミヤス?),Masahiko Matsumoto (松本 正彦?), Kei Motomitsu (K・元美津?), Susumu Yamamori (山森 ススム?), Masaaki Satō (佐藤 まさあき?), Takao Saitō (斎藤 隆夫?) . Il gruppo pubblica un manifesto che proclama fieramente “Un vento di novità soffia sul mondo del manga e nuovi alberi fioriscono: è il gekiga". Il manifesto definiva il pubblico di riferimento , in contrapposizione a quello delle riviste , come " il periodo transitorio fra infanzia ed età adulta[2] ".

Questa categoria di lettore finora trascurata è il segmento a cui vuole rivolgersi il gekiga. Alla fine degli anni cinquanta, regolarmente i clienti nelle librerie a noleggio non erano solo ragazzi in età scolare ma anche giovani adolescenti lavoratori. A metà degli anni ’50, infatti, circa il 50 percento degli studenti iniziano a lavorare gia dopo il nono anno di scuola dell'obbligo, all’età di 14 anni.Dalle zone rurali vengono occupati, nel Giappone in espansione economica, in fabbriche e aziende delle principali città. Questi lavoratori adolescenti, spesso sfruttati, occupavano un importante segmento di lettori. I creatori di gekiga si sono rivolti anche alle aspettative di lettura di questi giovani lavoratori. Questa relazione dialogica tra creatori e lettori è uno dei fondamenti del gekiga.[3]

Capigruppo del collettivo sono lo stesso Tatsumi e Takao Saitō, il futuro creatore di Golgo13.[2] La volontà di Tatsumi di creare qualcosa di diverso dal manga convenzionale ispirerà con forza altri artisti e, negli anni sessanta, il gekiga diviene un mezzo attraverso cui Tatsumi e altri artisti esplorano il potenziale del fumetto come espressione artistica e di critica sociale e politica.

È importante ricordare il contesto in cui nasce il gekiga . La città di Osaka, dove nasce e si forma Tatsumi, possedeva una cultura editoriale contraddistinta da un dinamismo disinibito che permetteva di creare qualcosa di diverso. Anche prima della modernizzazione industriale del Giappone durante il periodo Meji (1868-1912), Osaka, relativamente libera dai costumi feudali di Edo (ora Tokyo), era già famosa per la sua cultura popolare ricca e vibrante. Gli editori di Osaka pubblicavano spesso per le biblioteche a prestito, le Kashihonya (貸本屋 kashihon'ya?), che fornivano un servizio di scambio e prestito, sistema che fece da "matrice e incubatrice" per la nascita e la crescita del gekiga. Tatsumi stesso contrappone gli editori di Tokyo e Osaka dell’epoca: rispetto alle case editrici di Tokyo che producevano fumetti sofisticati e ben confezionati, gli editori di Osaka producevano fumetti di qualità eterogenea che tuttavia mostravano maggiore inventiva e innovazione.[3]

A Tokyo, a metà degli anni '60, attraverso la rivista Garo con Sanpei Shirato, autore di storie di lotta di classe mascherate da drammi storici ambientati nel Giappone premoderno,[4] reclutando nuovi fumettisti determinati a scuotere i codici in vigore nel manga mainstream, il gekiga subisce una nuova spinta e consacrazione racchiudendo in se lavori di generi e stili molto diversi tra loro: dai drammi storici di samurai e ninja, opere di stampo noir e hard-boiled, a racconti di tipo neo-realista e autobiografici.

Principali autori gekiga[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Paul Gravett, Mangasia. La guida definitiva al fumetto asiatico, 24 Ore Cultura, 19 ottobre 2017, p. 213, ISBN 978-88-6648-375-5.
  2. ^ a b Jean Marie Bouissou, Il manga. Storia e universi del fumetto giapponese, in Lapilli giganti, Tunué, 20 ottobre 2011, ISBN 978-88-97165-30-9.
  3. ^ a b (EN) Jaqueline Berndt, Manga's Cultural Crossroads, in Routledge Advances in Art and Visual Studies, Routledge, 8 novembre 2016, ISBN 978-1-138-24333-0.
  4. ^ Rebecca Suter, Adrian Tomine tra geek-chic e gekiga (PDF), in Acoma, n. 38, 2009.
  5. ^ (EN) Ryan Holmberg, Enka Gekiga: Hayashi Seiichi’s Pop Music Manga, su The Comics Journal. URL consultato il 17 agosto 2019.
  6. ^ (EN) Jason Thompson, Jason Thompson's House of 1000 Manga - Spider-man: The Manga, Anime News Network, 19 agosto 2010. URL consultato il 28 luglio 2018.
  7. ^ a b (EN) Deborah Shamoon, Mangatopia: Essays on Manga and Anime in the Modern World, Libraries Unlimited, 2011, p. 21.
  8. ^ (EN) Philip Brophy, Tezuka's Gekiga: Behind the Mask of Manga, in Toni Johnson-Woods (a cura di), Manga: An Anthology of Global and Cultural Perspectives, Bloomsbury Publishing USA, 15 aprile 2010, p. 134, ISBN 978-0-8264-2938-4. (author copy)
  9. ^ (EN) M. Keith Booker, Comics through Time: A History of Icons, Idols, and Ideas, ABC-CLIO, 28 ottobre 2014, p. 601, ISBN 978-0-313-39750-9.
  10. ^ (EN) Jonathan Clements, Anime: A History, Bloomsbury Publishing, 2013, p. 143.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga