Garcinia gummi-gutta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Garcinia gummi-gutta
Garcinia morella - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-063.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Theales
Famiglia Clusiaceae
Genere Garcinia
Specie G. gummi-gutta
Classificazione APG
Regno Plantae
Ordine Malpighiales
Famiglia Clusiaceae
Nomenclatura binomiale
Garcinia gummi-gutta
Sinonimi

Garcinia cambogia
Garcina quaesita

La Garcinia cambogia (Garcinia gummi-gutta) è una specie subtropicale di piante della famiglia delle Clusiaceae originaria dell'Indonesia più in particolare della regione della Garcinia.

Usi terapeutici[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

La parte utilizzata soprattutto come integratore nelle diete e come aiuto a non aumentare di peso è la buccia.

Indicata per mantenere il colesterolo e i trigliceridi sotto controllo, grazie all'azione dell'acido idrossicitrico che aiuta a non trasformare gli zuccheri in grassi ma a trasformarli direttamente in energia provocando un senso di sazietà.[1] L'acido idrossicitrico inibisce l'azione dell'enzima citrato liasi, che trasforma gli zuccheri in eccesso in grassi. Inoltre la Garcinia induce la sintesi epatica di glicogeno (zucchero di riserva dei muscoli e nel fegato), riuscendo ad aumentare le riserve di questo zucchero nel fegato; a questo punto il cervello viene informato di questo fatto e decide di inibire il nucleo ipotalamico che governa lo stimolo della fame, perché ritiene che non sia più necessario inglobare altro cibo. Questi processi a cascata possono essere utilizzati nelle diete.[2]

Uno studio randomizzato contro placebo ha studiato gli effetti dell'acido idrossicitrico come potenziale agente anti-obesità su un campione di 135 persone. La conclusione di questo studio è stata che "la Garcinia cambogia ha fallito nel produrre perdite significative di peso e di massa grassa superiori a quelle del placebo" [3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "In linea con la fitoterapia", di Roberta Pasero, pubbl. su Sapere&Salute Folia, anno 2, marzo 2003, num.4, pag.8
  2. ^ "Meno peso più salute", di Roberta Pasero, pubbl. su Sapere&Salute, anno 4, luglio 1999, num.21, pag.28-31
  3. ^ Heymsfield, S. B.; Allison, D. B.; Vasselli, J. R.; Pietrobelli, A.; Greenfield, D.; Nunez, C. (1998). "Garcinia cambogia (Hydroxycitric Acid) as a Potential Antiobesity Agent: A Randomized Controlled Trial". JAMA: the Journal of the American Medical Association 280 (18): 1596–1600; PUBMED 9820262

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica