Galleria nazionale d'Islanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galleria nazionale d'Islanda
(IS) Listasafn Ísland
Listasafn islands.jpg
La Galleria nazionale d'Islanda
Ubicazione
StatoIslanda Islanda
LocalitàReykjavík
IndirizzoFríkirkjuvegur 7
Caratteristiche
Tipoarte
Istituzione1884
FondatoriBjörn Bjarnarson
Sito web

Coordinate: 64°08′38.8″N 21°56′21.3″W / 64.144111°N 21.93925°W64.144111; -21.93925

La Galleria nazionale d'Islanda è un museo di Reykjavík: custodisce opere d'arte di artisti locali o tipici della cultura islandese.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Galleria nazionale d'Islanda venne istituita nel 1884 a Copenaghen da Björn Bjarnarson: la raccolta consisteva di opere d'arte donate soprattutto da artisti danesi a cui si aggiunsero quelle di artisti locali[1]. Dalla sua istituzione il museo rimase un ente indipendente, fino a quando, nel 1916, per decisione dell'Althing, divenne un dipartimento del Museo nazionale d'Islanda. La prima sede del museo fu nell'Alþingishúsið, dove rimase dal 1885 fino al 1950, quando fu trasferito all'interno del Museo nazionale d'Islanda: la nuova esposizione venne aperta 1951. Nel 1961 una legge rendeva nuovamente il museo un ente indipendente. Nel 1987 venne effettuato un ennesimo cambio di sede, questa volta in un edificio eretto nel 1916 e utilizzato come impianto di congelamento, opera dell'architetto islandese Guðjón Samúelsson; successivamente fu aggiunto un ulteriore edificio, opera di Garðar Halldórsson[1].

La collezione della Galleria nazionale d'Islanda prevede una esposizione di opere d'arte sia di artisti locali che stranieri a rotazione: tra gli artisti ospitati Pablo Picasso, Edvard Munch, Victor Vasarely, Hans Hartung e Richard Serra. Il museo dispone di un laboratorio di restauro e un biblioteca contenenti archivi, documenti e fotografie[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b History, su listasafn.is. URL consultato il 6 agosto 2017.
  2. ^ Library - Location and collection, su listasafn.is. URL consultato il 6 agosto 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2292 0201