Galilea (architettura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La galilea della cattedrale di Lincoln

La galilea (originata dalla parola latina galielea, che a sua volta ha origine dalla denominazione dell'omonima regione) è un elemento architettonico che consiste in un vestibolo o porticato antistante l'ingresso delle costruzioni monastiche o delle chiese medievali che fungeva comunemente da atrio.

Questa struttura era presente specialmente nei monasteri cluniacensi, dove per la sua particolarità assumeva il nome di galilea cluniacense.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questi portici venivano usati per le manifestazioni pasquali. La galilea era già presente nelle chiese paleocristiane per poi cadere in disuso in epoca medievale, sostituita da protiri e loggiati. Nelle chiese romaniche, come per esempio nella basilica di Sant'Ambrogio di Milano, la struttura si evolve in un quadriportico presente nel cortile della chiesa e assume nuove funzioni.

Si è mantenuto nell'architettura copta, ad esempio a Lalibela.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La galilée clunisienne | Dossiers d'Archéologie n° 269, su www.dossiers-archeologie.com. URL consultato il 21 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura