Gabriele Dondi dall'Orologio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gabriele Dondi dall'Orologio (Chioggia, 1328Venezia, 1383) è stato un medico e letterato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Chioggia nel 1328, primogenito di Jacopo medico, astronomo e orologiaio[1] e di Zaccarota di Daniele Centrago[2], studiò medicina, insieme con il fratello Giovanni, presso la rinomata scuola paterna di Chioggia[2]. Nel 1373 circa si trasferì a Venezia come medico stipendiato dalla Serenissima per il servizio pubblico e l'anno seguente si laureò a Padova[2]. Girolamo Tiraboschi nella sua Storia della letteratura italiana riporta alcune notizie secondo le quali Gabriele Dondi avrebbe raggiunto fama e ricchezza nella sua professione, tale che «per essa ammassò ricchezze si grandi, che niun Medico aveane finallora raccolte si grandi» [3]. Tiziana Pesenti nel Dizionario Biografico ridimensiona fama e ricchezza, scrivendo «in realtà il suo stipendio fu modesto, appena 5 lire di grossi l'anno, mentre altri medici ne guadagnavano 9, e altrettanto modesta fu la sua fama»» pur aggiungendo «Sembra tuttavia che egli sia stato medico del doge Michele Morosini»[2].

Viene ricordato, più che per l'attività professionale, per i suoi legami con i letterati petrarcheschi di Padova e Venezia[2]. Cultore di epistolografia, fu in corrispondenza, tra gli altri, con l'umanista Benintendi Ravegnani, Cancellier Grande della Repubblica di Venezia e con il diplomatico Paolo de Bernardo, allievo del Ravegnani[2].

Morì a Venezia, insieme con i figli, nel 1383 a circa cinquantacinque anni, durante un'epidemia di peste[2]. Fu sepolto, accanto alla tomba del padre, nel duomo di Padova[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacopo progettò un orologio a peso che fu installato a Padova nel 1344; da ciò derivò l'appellativo aggiunto al cognome di famiglia. Altri autori ritengono che il progetto debba ascriversi piuttosto al figlio Giovanni.
  2. ^ a b c d e f g h Fonte: Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Bibliografia.
  3. ^ G. Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, Libro II, p. 204 in Google Libri

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Cessi, «DONDI dall'Orologio», notizie della famiglia Dondi nella Enciclopedia Italiana, Volume 13, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1932.
Controllo di autoritàVIAF (EN89616150 · BAV ADV11569290