Fulminometro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa dei fulmini in Europa elaborata tramite dati rilevati da fulminometri

Il fulminometro è uno strumento meteorologico in grado di rilevare il campo elettromagnetico prodotto dalla corrente dei fulmini entro un certo raggio d'azione. È principalmente utilizzato nel nowcasting; elaborando i suoi dati e sovrapponendoli a quelli di un radar è possibile seguire l'evoluzione di un sistema temporalesco e valutarne l'intensità e propagazione.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due tipi principali di fulminometri:

  • I sistemi ad antenna che impiegano diversi ricevitori sintonizzati sulla frequenza elettromagnetica tipica dei fulmini pari a 110-118 MHz (VHF o Very High Frequency). Tramite la triangolazione dei risultati ottenuti da più antenne poste in diverse stazioni meteorologiche è possibile stimare la direzione e distanza del fulmine.
  • I sistemi satellitari, che invece semplicemente visualizzano le scariche elettriche dallo spazio. Questi in genere sono più precisi ma soffrono della limitazione che i loro dati vengono elaborati con qualche minuto di ritardo e dunque sono meno utili per l'uso immediato necessario in alcune applicazioni come nell'aeronautica.

Esistono inoltre sistemi portatili che sono in grado di avvertire l'utente dell'avvicinamento di un temporale, e trovano applicazione in diverse attività all'aperto o sportive, come nel golf dove i fulmini possono essere particolarmente pericolosi per i giocatori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Formentini, Temporali e Tornado, Alpha Test, 2009.