Frontalieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I frontalieri sono cittadini residenti in uno Stato che lavorano in un altro Stato[1].

La Convenzione istitutiva dell'Associazione europea di libero scambio (AELS) firmata a Stoccolma il 4 gennaio 1960 definisce e regolamenta le attività dei cittadini di uno Stato membro che risiedono sul territorio di uno Stato membro ed esercitano un'attività indipendente sul territorio di un altro Stato membro e ritornano al luogo del proprio domicilio di norma ogni giorno o almeno una volta alla settimana[2].

Frontalieri italiani[modifica | modifica wikitesto]

Frontiera italo-svizzera a Chiasso. La maggior parte dei frontalieri italiani lavora in Svizzera, dove hanno raggiunto le 73.262 unità nel secondo trimestre del 2017[3]; principalmente nel Canton Ticino, ma anche nel Canton Vallese e nel Cantone dei Grigioni[4]

.

Paese di lavoro Frontalieri
San Marino San Marino 6.500[5]
Svizzera Svizzera 73 262[3]
Monaco Monaco 3.700[6]
Francia Francia 1.500[7]
Città del Vaticano Città del Vaticano 1.894[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Ricq, Les travailleurs frontaliers en Europe, 1981
  • Grenzgänger in der Nordwestschweiz, 1987
  • U. Bloch, Grenzgänger aus Südbaden in Basel-Stadt in den ersten Jahren nach dem Zweiten Weltkrieg, in BZGA, 95, 1995, 207-235

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti