Franz von Liszt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Solo la pena necessaria è giusta. La pena è per noi un mezzo per raggiungere uno scopo. L'idea dello scopo postula però l'adattamento del mezzo al fine e la massima parsimonia nella sua applicazione. Questa esigenza ha particolare valore per quanto concerne la pena, essendo essa infatti un'arma a doppio taglio: tutela dei beni giuridici attuata attraverso la lesione degli stessi.»

(Franz von Liszt, La teoria dello scopo nel diritto penale, Milano, 1962, pag. 46)
Franz von Liszt

Franz von Liszt (Vienna, 2 marzo 1851Seeheim, 21 giugno 1919) è stato un giurista tedesco.

Esperto penalista e filosofo del diritto, fu eletto al Reichstag. Cugino del più celebre compositore Franz Liszt, insegnò nelle università di Giessen, Halle, Marburgo e alfine Berlino (1899).[1]

Nella concezione di Liszt il crimine va osservato come fenomeno puramente sociale (scuola sociologica), e da qui deriva il concetto di prevenzione sociale: il reo deve essere sottoposto ad un'acuta difesa sociale in modo da eliminare ogni manifestazione criminosa.

Fondatore di varie riviste, diresse dal 1888 un Istituto di Criminologia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • The German Reich Criminal Law, Berlin, 1881
  • The Purpose of Thought in Criminal Law, Berlin 1882/83
  • Criminal Law in the States of Europe, Berlin 1884
  • International law. Systematically Presented (Das Vlilkerrecht systematisch dargestellt), 1st ed. Berlin, 1888; 11th ed. Berlin, 1918
  • The Essence of the International Association of States and the International Prize Court, in: Festschrift for law faculty of Berlin, Otto von Gierke doctorate 21st Anniversary August 1910, Vol. 3, Wroclaw 1910 (ND Frankfurt 1969), p. 21 ff
  • An Association of Central European States as the Next Target of German Foreign Policy, Leipzig, 1914
  • Nibelungen, in: Österreichische Rundschau 42 (1915), p. 87 ff
  • The Reconstruction of International Law, Pennsylvania Law Review 64 (1916), p. 765 ff
  • Association of States for the International Community. A contribution to the reorientation of the States policy and International Law, Munich and Berlin, 1917
  • Violence or Peace League. An Exhortation in the Last Hour, in: NZZ No. 1428 v. 27 October 1918, p. 1
  • Textbook of German Criminal Law, 22nd edition, Berlin, 1919

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Duru, Boris, Gießener Erneuerung des Strafrechts – Reinhard Frank und der Schuldbegriff, in ZJS 2012, 736.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22249143 · ISNI (EN0000 0001 2123 7996 · SBN IT\ICCU\FERV\027858 · LCCN (ENn82044616 · GND (DE118573519 · BNF (FRcb12512458d (data)