Frank Vignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Frank Vignola (Long Island, 30 dicembre 1965) è un chitarrista statunitense.

Frank Vignola
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Jazz manouche
Periodo di attività 1993 – in attività
Album pubblicati 12

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini italoamericane, crebbe a New York dove intraprese, all'età di sei anni, lo studio della chitarra, prendendo a modello musicisti appartenenti ai generi più disparati, tra i quali Django Reinhardt, Les Paul e Frank Zappa. Una volta adulto, approfondito lo studio dello strumento presso il Centro delle Arti Culturali di Long Island, figurò come sideman, nei primi anni '80, al seguito di personaggi di spicco nel panorama musicale mondiale, quali Madonna, Ringo Starr o Leon Redbone.
Solo in seguito, tornato a New York nel 1988, fondò, per la prima volta, un proprio complesso, con il quale cominciò a concentrarsi su tributi all'attività musicale di Django Reinhardt, finendo tra le attenzioni del New York Times[1].

All'età di 28 anni, firmò un contratto con la casa di produzione discografica della Concord Jazz, per la quale incise il suo primo disco come leader, "Appel Direct", subito seguito da album quali "Let it Happen", nel '94, e da "Look Right, Jog Left", nel '96. Nel 2001, incise un disco per chitarra solista, dal titolo "Blues for a Gipsy", in cui viene ulteriormente sviluppata la pratica del Gipsy Jazz, di cui Vignola è uno dei più autorevoli esponenti. Nello stesso periodo, si esibisce con artisti quali il violinista Mark O' Connor, il trombettista Wynton Marsalis (in compagnia dei quali prende parte al festival "Jazz in Marciac" nel 2010) o il chitarrista Tommy Emmanuel. È, in particolare, con quest'ultimo che, per Frank Vignola, la collaborazione diviene più prolifica: con Tommy Emmanuel pubblica l'album "Just Between Frets" ed intraprende un tour mondiale che, tra il 2010 e il 2013, lo vede impegnato in concerti e seminari. È, infatti, l'insegnamento una delle componenti principali dell'attività di Frank Vignola: sono 18 i metodi per chitarra Jazz da lui stesi e curati[2]. Sempre al 2013 risale il suo ultimo album, "Melody Magic", inciso, in duo, con il chitarrista Vinny Raniolo, già da tempo membro abituale dei suoi numerosi complessi[3].

Vinny Raniolo e Frank Vignola (rispettivamente, il primo e il secondo da sinistra) in concerto con Joscho Stephan e Tommy Emmanuel.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Appel Direct (Concord Jazz, 1993)
  • Let it Happen (Concord, 1994)
  • Look Right, Jog Left (Concord, 1996)
  • Deja Vu (Concord, 1999)
  • Off Broadway (Nagel-Heyer, 2000)
  • Blues for a Gypsy (Acoustic Disc, 2001)
  • Kong Man (VMD)
  • Vignola Plays Gershwin (Mel Bay, 2007)
  • Just Between Frets, con Tommy Emmanuel (Groovemasters, 2009)
  • Standards Live, con Bucky Pizzarelli (Frank Vignola, 2009)
  • 100 Years of Django (Azica Records, 2010)
  • Melody Magic (Azica Records, 2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74047988 · LCCN: (ENno96060074 · GND: (DE134990129 · BNF: (FRcb140006320 (data)