Franck Thilliez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franck Thilliez

Franck Thilliez (Annecy, 1973) è un ingegnere e scrittore francese.

È nato ad Annecy e vive nel Pas-de-Calais, nell'estremo Nordest della Francia. Ingegnere informatico, è appassionato di tecnologie telematiche. Nel 2004 pubblica il suo primo libro Train d'enfer pour Ange rouge. È un grande appassionato di film thriller, e il suo film preferito è 8mm - Delitto a luci rosse di Joel Schumacher. Ha vinto i premi Prix des lecteurs Quai du polar 2006 e Prix SNCF du polar français 2007 con il libro La chambre des morts. Nei suoi romanzi la sua ispirazione a questo genere di film è evidente, che aggiunto alla sua fantasia ha portato a romanzi molto coinvolgenti. In Italia sono stati pubblicati soltanto quattro dei suoi romanzi, dalla Casa Editrice Nord: La stanza dei morti nel 2007. Foresta nera nel 2008, La macchia del peccato nel 2009 e L'Osservatore nel 2011. Il suo ultimo romanzo è Vertige uscito il 13 ottobre 2011 in Francia mentre in Italia è ancora inedito. Attualmente vive tra Pas-de-Calais, Antille e Guyana.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo La stanza dei morti è stato adattato in versione cinematografica nel 2007 da Alfred Lot. Mentre Foresta nera adattato da Julien Leclercq è ancora in lavorazione.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Train d'enfer pour Ange rouge (2004)
  • La Chambre des morts (2005)
  • Deuils de miel (2006)
  • La Forêt des ombres (2006)
  • La Mémoire fantôme (2007)
  • L'Anneau de Moebius (2008)
  • Fractures (2009)
  • Le Syndrome [E] (2010)
  • Gataca (2011)
  • Vertige (2011)
  • Atomka (2012)
  • Puzzle (2013)
  • Angor (2014)
  • Pandemia (2015)
  • Le Manuscrit inachevé (2018)

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

(film tratti dai romanzi di Thilliez)

  • La stanza dei morti (2007) - dal romanzo omonimo
  • Foresta nera (in lavorazione) - dal romanzo omonimo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Sito ufficiale, su auteursdunord.com. URL consultato il 29 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2011).
  • Casa Editrice Nord, su editricenord.it (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2007).
Controllo di autoritàVIAF (EN79185120 · ISNI (EN0000 0001 2141 1595 · Europeana agent/base/144005 · LCCN (ENno2011000871 · GND (DE132850753 · BNF (FRcb144787132 (data) · BNE (ESXX4745407 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2011000871