Francisco Bolognesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francisco Bolognesi Cervantes

Francisco Bolognesi Cervantes (Lima, 4 novembre 1816Arica, 7 giugno 1880) è stato un militare peruviano. È considerato un eroe nazionale del Perù.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francisco Bolognesi Cervantes nacque nel 1816, figlio del violoncellista italiano Andrea Bolognesi e di Juana Cervantes Pacheco. La famiglia Bolognesi proveniva da Genova e arrivata in Perù nel 1810.[1] Lavorò come contabile in una compagnia dal 1832 al 1840, e poi si diede al redditizio commercio di cascarilla e coca, viaggiando a tal fine sulle montagne della Carabaya.

Ad Arica nel 1880

Nel 1853 si arruolò nell'esercito per il rischio di guerra tra Perù e Bolivia e si specializzò in artiglieria. Poco dopo, si unì alla rivoluzione liberale del 1854 guidata da Ramón Castilla contro il governo di José Rufino Echenique. Fu promosso colonnello e presto partecipò alla campagna dell'Ecuador (1859-1860), venendo successivamente inviato in Europa per acquisire armamenti per l'esercito e cannoni per i forti di Callao. Nel 1868 assunse il ruolo di comandante generale di artiglieria.

Quando scoppiò la guerra del Cile contro il Perù e la Bolivia nel 1879 (conflitto del Pacifico), era già in pensione, ma chiese il reintegro nell'esercito e fu assegnato come capo della 3ª divisione nel Sud, alla testa del quale si distinse nelle battaglie di San Francisco e Tarapacá[2]. Quando nel 1880 i resti dell'esercito peruviano si ritirarono a Tacna, la difesa della città di Arica fu affidata a lui con 2.000 uomini, e fu assediato dalle forze cilene superiori per numero e potenza di fuoco. Dopo aver promesso di combattere "fino a bruciare l'ultima cartuccia", cadde eroicamente durante la battaglia finale.[3]

Anche i figli Enrique e Augusto caddero in combattimento nel gennaio successivo. Un nipote, Federico Bolognesi, è stato vicepresidente della Repubblica del Perù dal 1950 al 1956.

Fu dichiarato patrono dell'Esercito del Perù dal governo peruviano il 2 gennaio 1951 ed elevato al grado di Gran Maresciallo del Perù, con la legge n. 25128 del 30 novembre 1989.

A suo nome è stata intitolata la scuola militare peruviana[4], e alcune navi della marina peruviana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77881123 · ISNI (EN0000 0000 2994 0582 · LCCN (ENn88231617 · BNF (FRcb17059956f (data) · WorldCat Identities (ENn88-231617