Francesco Piacenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Piacenza
Nazionalità Italia Italia
Scacchi Chess.svg
Categoria Scacchista del Secolo XVII
 

Francesco Piacenza (Napoli, 1637Modena, 1687) è stato uno scacchista italiano.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dottore in diritto civile e canonico fu per otto anni segretario dell'ambasciatore di S.M. Cattolica in Germania. A Bologna fu segretario del principe Guzman quando il cardinale Boncompagni fu vescovo della città. Nel 1683 pubblicò, a Torino, il trattato I Campeggiamenti negli Scacchi, ossia nuova disciplina d'attacchi, difese e partiti del giuoco nello stile antico, che nel nuovo arciscacchiere, stratagemmi ed invenzioni.[3] Viaggiò molto in Italia e all'estero giocando un po' ovunque anche con poste in denaro. Era specialista in atti con pezzi segnati o in case segnate. Inventò un arciscacchiere di 100 case con due nuovi pezzi: il Centurione e il Decurione.

Membro dell'Accademia degli Immobili all'Università di Modena dove nel 1686-87 tenne un corso naturalistico. Dopo un viaggio di studio nelle isole dell'Egeo scrisse L'Egeo Redivivo, ossia corografia dell'arcipelago e dello stato antico e attuale di quelle isole,[4] pubblicato postumo a Modena nel 1688.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adriano Chicco + Giorgio Porreca, Dizionario Enciclopedico degli scacchi, Milano, Mursia, 1971
  • Alessandro Rizzacasa, Livorno nella storia degli scacchi, Comune di Livorno, 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2773479 · ISNI (EN0000 0000 6632 2169 · LCCN (ENn00060191 · GND (DE1055548009 · BNF (FRcb15404373j (data) · BAV ADV11080094