Francesco Mancini (pittore 1830-1905)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Mancini
Hyde Park, 1876
Fondazione Cariplo

Francesco Mancini (Napoli, 19 gennaio 1830Napoli, 24 luglio 1905) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1844 si iscrive al Reale Istituto di Belle Arti di Napoli frequentando la scuola di disegno e dal 1846 quella di paesaggio di Gabriele Smargiassi. Sul finire del decennio successivo abbandona i modi accademici per dedicarsi alla pittura dal vero durante numerosi viaggi nelle regioni dell'Italia meridionale. Affronta inoltre la pittura di storia e partecipa con scene risorgimentali all'Esposizione nazionale di Firenze del 1861. Protagonista della vita culturale napoletana, è dal 1862 socio della Promotrice di Belle Arti, alle cui manifestazioni è costantemente presente, e dal 1877 docente presso la locale Accademia; nel 1888 è inoltre tra i fondatori del Circolo Artistico Napoletano. Partecipa alle principali esposizioni nazionali tra le quali ricordiamo quelle di Torino (1880 e 1884) e Milano (1881).

Ai paesaggi ispirati ai luoghi e ai costumi dell'Abruzzo, della Puglia e della Calabria egli affianca in questi anni più mondane scene di vita cittadina, eseguite durante i ripetuti soggiorni a Parigi e Londra e molto apprezzate dai collezionisti del tempo. Dopo i soggiorni londinesi venne soprannominato "Lord", a causa del suo carattere riservato e, soprattutto, per distinguerlo sia dall'omonimo pittore più famoso Francesco Mancini che dagli altri pittori napoletani dallo stesso cognome come ad esempio Antonio Mancini, etc.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96162415 · ISNI (EN0000 0003 9854 4737 · BNF (FRcb14968404x (data) · ULAN (EN500069217 · BAV ADV12635424
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie