Francesco Filippi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Filippi (1981) è uno storico della mentalità, autore e formatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Filippi si è diplomato al liceo classico Giovanni Prati di Trento. Ha poi conseguito la laurea di primo livello in storia economica e sociale presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, e successivamente m, presso l'Università degli studi di Trento, la laurea specialistica in storia della civiltà europea e quindi la laurea magistrale in etica, politica e scienze delle religioni.[1]

Collabora con l'Associazione di Promozione Sociale Deina[2] che organizza viaggi della memoria e percorsi formativi in collaborazione con scuole e università in tutta Italia. Ha partecipato alla stesura di manuali e percorsi educativi sui temi del rapporto tra memoria e presente.

È responsabile storico-scientifico del progetto Promemoria_Auschwitz.eu, coordinato dalle Province autonome di Bolzano e Trento. Con la Fondazione Museo Storico del Trentino ha curato mostre ed eventi, partecipando al recupero e alla valorizzazione pubblica di alcune fortezze militari austriache della prima guerra mondiale.

Nel 2019 pubblica il saggio Mussolini ha fatto anche cose buone. Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo che ottiene ottime recensioni.[3][4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  1. Francesco Filippi, Mussolini ha fatto anche cose buone. Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo. Prefazione di Carlo Greppi, Torino, Bollati Boringhieri, 2019.
  2. Francesco Filippi, Ma perché siamo ancora fascisti? Un conto rimasto aperto, Torino, Bollati Boringhieri, 2020.
  3. Francesco Filippi, Prima gli italiani! (sì, ma quali?), Laterza, Bari-Roma 2021.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]