Francesco Anzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Anzani
Francesco Anzani.jpg
NascitaAlzate, 11 Novembre 1809
MorteGenova, 5 Luglio 1848
Cause della morteFerite di Guerra
EtniaItaliana
ReligioneCattolica
Dati militari
Forza armataLegione Italiana
ArmaEsercito
CorpoFanteria
Anni di servizio1843 - 1846
GradoComandante
GuerreGuerra Civile Uruguaiana
BattaglieBattaglia delle Tre Croci
Battaglia nei Valloni del Cerro
Presa di Colonia del Sacramento
Sbarco nell'Isola di Martìn Garcìa
Battaglia di San Antonio
voci di militari presenti su Wikipedia

Francesco Anzani (Alzate, 11 novembre 1809Genova, 5 luglio 1848) è stato un patriota e militare italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di simpatie liberali, fuggì, non si sa bene l'anno, per andare a combattere nella Guerra d'indipendenza greca. Tornato in patria studiò Matematica a Pavia, all'Università degli Studi, prima di andare esule a Parigi, ove prese parte ai moti del 1830-31. Lì conobbe Giuseppe Mazzini e prese parte al moto repubblicano del 5-6 giugno 1832]. Poi passò in Portogallo per combattere tra i Cacciatori di Oporto del ligure Gaetano Borso di Carminati, difendendo la causa liberale di Isabella Maria contro don Miguel. Quindi si recò in Spagna per arruolarsi col grado di Capitano nella legione straniera dei cristiani, contro il pretendente don Carlos, ove rimase ferito per la seconda volta.

Rimpatriato nel 1838, fu arrestato al momento del suo sbarco a Genova e consegnato alla polizia austriaca che lo recluse a Milano.

Liberato espatriò, emigrando in Sud America, nella provincia del Rio Grande do Sul. Vi conobbe Giuseppe Garibaldi, con il quale strinse una robusta amicizia, e quando si costituì la Legione italiana, in Uruguay, questi ne affidò il comando ad Anzani. Contribuì alla vittoria nella Battaglia di San Antonio costruendo il fortino al Salto e difendendolo dai blancos fino all'arrivo di Garibaldi[1].

L'esperienza comune fu rievocata in una lettera[2], a doppia firma di Garibaldi ed Anzani, rivolta al Nunzio apostolico in America del sud, monsignor Bedini[3]:

«Noi (...), animati sempre da quel medesimo spirito, che ci fece affrontar l'esilio, abbiamo preso le armi in difesa di Montevideo, perché credemmo giusta la sua causa; a noi si sono riunite alcune centinaia di compatrioti nostri, che qui eran venuti cercando giorni men travagliati che nella terra natale; durante i cinque anni dacché l'assedio stringe queste mura, ciascun d'essi ha dovuto più volte far saggio del proprio valore; e, grazie alla Provvidenza e a quello spirito antico che ancora infiamma il sangue italiano, in più comenti la nostra Legione ebbe campo a farsi notare; e, se è permesso il dirlo senza vanità, s'è pur veduta remunerare con onori, non raggiunti per anco da nessun altro corpo in questa guerra.»

(Giuseppe Garibaldi e Francesco Anzani)

Ammalatosi gravemente, salpò per l'Italia insieme a Garibaldi e ai fedeli della Legione il 15 aprile 1848, in occasione della amnistia concessa da Pio IX. A Nizza fu inizialmente assistito dalla madre dell'Eroe dei Due Mondi; trasportato a Genova, fu assistito dal fratello Giuseppe, dall'amico Garibaldi e da Giacomo Medici. Infine, il 5 luglio morì.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ettore Brambilla, Ricordo monumento eretto in Alzate a FRANCESCO ANZANI il 3 Settembre 1911, Como, Riccardo Gagliardi, 1911.
  2. ^ Sulla vicenda che diede origine alla corrispondenza v. Roberto Ormanni, Montevideo, 13 ottobre 1847: Giuseppe Garibaldi e Francesco Anzani scrivono a Sophie Autran: "Pronti a scendere in armi per sostenere il Papa…", in Gente d'Italia, 23 novembre 2013, pagine 8-11.
  3. ^ Edizione Nazionale degli scritti di Giuseppe Garibaldi, Vol. VII, 1973, Epistolario di Giuseppe Garibaldi vol. I (1834-1848) (a cura di Giuseppe Fonterossi, Salvatore Candido, Emilia Morelli), "A Gaetano Bedini, Montevideo, 12 ottobre 1847".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferrari, G. C., Francesco Anzani. Dizionario Del Risorgimento Nazionale. Milano: Casa editrice dottor Francesco Vallardi, 1933.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie