François-Louis Français

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
François-Louis Français

François-Louis Français (Plombières-les-Bains, 17 novembre 1814Parigi, 28 maggio 1897) è stato un pittore paesaggista francese.

Pittore della Scuola di Barbizon, fu uno dei paesaggisti più rinomati della sua epoca. La sua città natale gli ha intitolato un museo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

François-Louis Français nacque in una famiglia di umili condizioni e a quindici anni fu messo a fare il fattorino presso un libraio. Conobbe le asperità della vita, e dovette esprimere la sua grande passione per il disegno e la pittura facendo vignette e piccole illustrazioni e dipingendo sulle pietre. Quando la sua condizione finanziaria migliorò, egli poté recarsi a Parigi e studiare pittura sotto la guida di Jean Gigoux e di Jean-Baptiste Camille Corot, debuttando al "Salon" del 1837. Le sue prime opere tradivano una sorta di pesantezza narrativa, di cui peraltro egli si sbarazzò rapidamente. Il suo primo paesaggio, Une Chanson sous les saules, realizzato con la collaborazione di Henri Charles Antoine Baron, fu subito notato. Gli si debbono ancora Jardin antique, Le Parc de Saint-Cloud (con figure di Ernest Meissonier), Soleil couchant en Italie, La Fin de l'hiver, Le Ravin de Nepi.

Riapparve all'Esposizione universale del 1855 con le sue quattro tele più recenti e i quadri Sentier dans les blés e Le Ruisseau de Neuf-Pré, che rivelano quanto Français fosse un artista di prim'ordine. Fra le altre numerose opere importanti l'Orphée (1863), la tela più ammirata di Français, e quindi il suo Bois sacré, nella quale l'artista dipinge una vera festa della natura, un'alba di primavera. E poi: Environs de Paris, Environs de Rome (1866), le Regains (1868), Le Mont-Blanc visto da Saint-Cergues (1866), Vue prise aux Vaux-de-Cernay (1872), Souvenir de Nice (1873), Source, Terrasse à Nice (1874), Le Ravin du Puits-Noir, Le Ruisseau du Puits-Noir (1875), Le Miroir de Scey.

Nel 1884 Français espose L'Étang de Clisson, paesaggio pieno di freschezza poetica; nel 1885 fu la volta di Vue du bord du lac de Némi e di un piccolo Dessous de bois. Nel 1890, Français fu il primo paesaggista ad essere ammesso all'Accademia di belle arti, prendendo il posto di Joseph-Nicolas Robert-Fleury. In quello stesso anno ottenne la medaglia d'onore al Salon dei Champs-Elysées, dove aveva esposto due paesaggi.

Français illustrò numerose opere letterarie dei suoi tempi, in particolare il Robinson Crusoe, collaborò con diversi giornali e incise molti testi d'interpretazione, fra i quali quelli di Prosper Marilhat.
Fu nominato Cavaliere della Legion d'onore nel 1853, e promosso Ufficiale nel 1867.

Louis Français visse e morì a Parigi in Boulevard du Montparnasse. Una targa posta dai pittori della Lorena lo commemora.

Opere in collezioni pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Dafni e Cloe
Crepuscolo
  • Chantilly, Museo Condé: Vue du hameau (parc de Chantilly), 1846, olio su tela[1]
  • Digione, Museo di belle arti:
    • Campagne de Rome, 1846-1849, acquarello[2]
    • Portrait de l'artiste, 1893, olio su tela[3]
    • Soleil couchant, olio su tela[4]
    • Une Baie en Provence, 1885, olio su tela[5]
    • Vue de la lieutenance à Honfleur, olio su tela[6]
  • Digione, Museo Magnin: Mare au crépuscule, verso il 1846-1849, olio su legno[7]
  • Dole, Museo di belle arti: Cour de ferme, olio su tela[8]
  • Lilla, Palazzo delle belle arti: Bois sacré, 1864, olio su tela[9]
  • Nantes, Museo di belle arti:
    • Portrait du peintre par lui-même, 1888, olio su cartone[10]
    • Au bord de l'eau, environs de Paris, 1861, olio su tela[11]
    • L'Église de Clisson, construite en 1890 par l'architecte L.R.Ménard, 1891, olio su tela[12]
    • Portrait de Madame Cresty, olio su tela[13]
    • Portrait de Mlle Housset, 1885, olio su legno[14]
  • Napoli, Galleria dell'Accademia[15]:
    • Paesaggio, 31,5x24 cm, olio su tela
    • Studio di testa, 30x43 cm, olio su tela
  • Parigi, Museo del Louvre:
    • La Mer, aux environs du bourg de Batz en Bretagne, acquarello[16]
    • Les Jardins de Tivoli, 1849, acquarello e tempera[17]
    • Paysage de sous-bois, matita nera[18]
    • Petite cascade entre des rochers, à Pescarella, matita nera e inchiostro di China[19]
    • Portrait de femme, à mi-corps, de face, 1892, matita nera e sanguigna[20]
    • Rochers et arbres dans la forêt de Fontainebleau, 1834, mina di piombo[21]
  • Parigi, Museo d'Orsay :
    • Jean Français, ritratto del padre dell'artista, 1855, olio su tela[22]
    • Orphée, 1863, olio su tela[23]
  • Parigi, Chiesa della Santa Trinità:
    • Adam et Ève chassés du paradis, 1878
    • Le Baptême du Christ, 1878
  • Strasburgo, Museo di belle arti:
    • Daphnis et Chloé, 1872, olio su tela
    • Vue d'Antibes, 1894, olio su tela

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

I "Salon"[modifica | modifica wikitesto]

  • 1841: Medaglia di III classe
  • 1848: Medaglia di I classe
  • 1855: Medaglia di I classe per l'illustrazione, assieme a Karl Girardet.
  • 1863: Orphée
  • 1878: Le Mont Cervin e Le Lac de Némi, oli su tela. Sentier à Rome e Lisière de Bois en automne, acquarelli. Medaglia d'onore.
  • 1879: La Vallée de Rossillon,
  • 1880: Le Soir e Grand'-Route à Combs-la-Ville
  • 1881: L'Ave Maria à Castel Gandolfo
  • 1881: Lavoir à Pierrefonds
  • 1884: L'Étang de Clisson
  • 1885: Vue du bord du lac de Némi
  • 1890: Medaglia d'onore

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni allievi[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierre Waidmann (1860-1937)
  • Gustave Garaud (1844-1914)
  • Achille Cesbron (1849-1913)
  • César de Cock (1823-1904)
  • Charles Leduc (1831-1911)
  • Louis Aimé Japy (1839-1916)

Omaggi alla memoria[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1897, i suoi amici organizzarono una mostra che comprendeva i paesaggisti degli anni 1830 dell'École des beaux-arts di Parigi.
  • Nel 1901 a Plombières-les-Bains, sua città natale, un monumento (busto in bronzo su stele marmorea), opera dello scultore Émile Peynot, venne innalzato in sua memoria sul viale che porta il suo stesso nome: Avenue Louis-Français[24].
  • Il "Museo di belle arti, scienze e natura" di Plombières-les-Bains porta il suo nome.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Ruscello
  1. ^ Base Joconde 00000076537
  2. ^ Base Joconde 01370009831
  3. ^ Base Joconde 00000077583
  4. ^ Base Joconde 00000077584
  5. ^ Base Joconde 00000077602
  6. ^ Base Joconde 01370001699
  7. ^ Base Joconde 50110000667
  8. ^ Base Joconde M0347001225
  9. ^ Base Joconde 000PE019216
  10. ^ Base Joconde 07430003897
  11. ^ Base Joconde 07430003895
  12. ^ Base Joconde 07430006120
  13. ^ Base Joconde 07430005934
  14. ^ Base Joconde 07430003896
  15. ^ Galleria dell'Accademia,  p. 109. Opere provenienti dalla donazione Palizzi, 1898.
  16. ^ Base Joconde 50350111941
  17. ^ Base Joconde 50350111945
  18. ^ Base Joconde 50350502867
  19. ^ Base Joconde 50350111947
  20. ^ Base Joconde 50350228812
  21. ^ Base Joconde 50350123729
  22. ^ Base Joconde 000PE001202
  23. ^ Base Joconde 000PE001203
  24. ^ «Monument du peintre Louis Français – Plombières-les-Bains», si veda il sito e-monumen.net

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Artiste, giugno 1897, pag. 476.
  • L'Illustration, anno 55º, nº 2832, pag. 452 (necrologio)
  • La France illustrée, nº 1176, 12 giugno 1897, pag. 23.
  • AA. VV., Exposition Louis Français, catalogo della mostra, 1898.
  • André Girodie, «François-Louis Français», in Notes d'art et d'archéologie, Edizioni F. Ducloz, Montiers, 1902.
  • Aimé Gros, François-Louis Français: causeries et souvenirs, par un de ses élèves, Librerie-stamperie riunite, Parigi, 1902.
  • Anna Caputi, Raffaello Causa, Raffaele Mormone (a cura di), La Galleria dell'Accademia di Belle Arti in Napoli, Napoli, Banco di Napoli, 1971, SBN IT\ICCU\NAP\0178087.
  • Albert Ronsin (a cura di), Les Vosgiens célèbres. Dictionnaire biographique illustré, note biografiche di Pierre Heili, Edizioni Gérard Louis, Vagney, 1990. pag.149-150 - ISBN 2-907016-09-1
  • (FR) Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous les pays, Paris, Gründ, 1999, vol. 5, SBN IT\ICCU\VEA\0109000. Ad vocem.
  • Roland Conilleau, Louis Français, Peintre de la nature, 1814-1897, Edizioni Pierron, Sarreguemines, 1997.

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107029028 · ISNI (EN0000 0001 0845 2149 · LCCN (ENnr92034024 · GND (DE104364815 · BNF (FRcb12149040v (data) · ULAN (EN500020543 · CERL cnp00370473 · WorldCat Identities (ENnr92-034024