Fortinet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fortinet
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaPublic company
ISINUS34959E1091
Fondazione2000
Fondata daKen Xie
Sede principaleSunnyvale
Persone chiaveCEO: Ken Xie
CTO: Michael Xie
SettoreSicurezza informatica
ProdottiFortiGate
UTM
Firewall
Antivirus
Antispyware
Antispam
Sicurezza wireless
Filtraggio dei contenuti web
Fatturato1,28 miliardi $[1] (2016)
Dipendenti+4.665[2] (2016)
Sito web

Fortinet è una multinazionale americana con sede centrale a Sunnyvale, California (Stati Uniti). L'azienda si occupa dello sviluppo e della commercializzazione di software, dispositivi e servizi di sicurezza informatica, quali firewall, software antivirus, sistemi di prevenzione delle intrusioni e di sicurezza degli endpoint. Nel campo della sicurezza delle reti, si tratta della quarta azienda più importante al mondo per profitti.

Fortinet è stata fondata nel 2000 dai fratelli Ken e Michael Xie. Nel 2004, l'azienda è arrivata a raccogliere circa 93 milioni di dollari di finanziamenti e a lanciare sul mercato dieci diverse appliance di sicurezza FortiGate. Nello stesso anno, ha avuto inizio la ricorrente controversia sui brevetti tra Fortinet e Trend Micro. La società è stata quotata in borsa nel 2009, con un'offerta pubblica iniziale che è arrivata a raccogliere 156 milioni di dollari. Durante gli anni 2000, Fortinet ha diversificato le proprie linee di prodotti, aggiungendo soluzioni per access point wireless, sandbox e sicurezza della messaggistica, tra le altre.

Storia dell'azienda[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Fortinet è stata fondata a Sunnyvale, California (Stati Uniti) nel 2000 dai fratelli Ken e Michael Xie.[3] I fondatori avevano precedentemente occupato ruoli esecutivi presso NetScreen e ServGate rispettivamente.[4] L'azienda venne originariamente chiamata Appligation Inc., quindi il nome venne cambiato in Appsecure nel dicembre del 2000 e infine in Fortinet, contrazione di "Fortified Networks" (Reti fortificate).[4] I primi due anni di vita dell'azienda sono stati dedicati alla ricerca e sviluppo,[5]; il primo prodotto venne lanciato sul mercato nel 2002.[3]

Dal 2000 al 2003, Fortinet ha raccolto 13 milioni di dollari di finanziamenti privati.[3] Nell'agosto del 2003, si sono aggiunti altri 30 milioni, seguiti da ulteriori 50 nel marzo 2004, per un totale di 93 milioni di dollari di finanziamenti.[6] Secondo Fortinet, i profitti aziendali si sono decuplicati dal 2002 al 2003.[7] Il primo programma per il canale commerciale è stato definito nell'ottobre del 2003.[8] Westcon Canada ha iniziato a distribuire i prodotti FortiGate in Canada nel dicembre del 2003, seguita da Norwood Adam nel Regno Unito nel febbraio 2004.[3] Il programma dedicato ai rivenditori è stato riorganizzato nel gennaio 2006 e chiamato "SOC in a BOX".[3] Nel 2004, Fortinet aveva stabilito uffici in Asia, Europa e Nord America.[5]

Nell'ottobre del 2005, uno studio di OpenNet rivelò che le appliance Fortinet venivano utilizzate per la censura di Internet nel Myanmar. Fortinet dichiarò che i propri prodotti venivano venduti da rivenditori di terze parti e di rispettare gli embarghi decretati dagli Stati Uniti, tuttavia, vennero alla luce fotografie di un venditore Fortinet con il primo ministro birmano.[9][10]

Dispute legali[modifica | modifica wikitesto]

Un programmatore Linux tedesco di GPLviolations.org ottenne un provvedimento cautelare contro la filiale Fortinet britannica nell'aprile del 2005, in seguito ad accuse che sostenevano che l'azienda utilizzasse sistemi di crittografia per celare l'uso di kernel Linux soggetti a licenza GNU o General Public License. I termini della licenza prevedevano la divulgazione del codice sorgente.[11][12] Il mese successivo, Fortinet accettò di rendere disponibile su richiesta il codice sorgente di elementi con licenza GNU, modificò i propri termini di licenza e apportò altri cambiamenti, ponendo termine alla disputa.[13]

Nel maggio 2004, Trend Micro ha presentato una denuncia contro Fortinet, sostenendo che la sua tecnologia antivirus violasse i brevetti di Trend Micro sui metodi di scansione del traffico e-mail e Internet.[14] Nell'agosto dello stesso anno, la Commissione per il commercio internazionale ha condannato Fortinet, vietando la vendita dei prodotti interessati. Fortinet dichiarò che i brevetti di Trend Micro erano troppo vasti, ma rispettò la sentenza.[15] Fortinet e Trend Micro raggiunsero un accordo con clausole confidenziali nel gennaio del 2006 e Fortinet modificò i propri prodotti antivirus per evitare di violare i brevetti di Trend Micro.[16][17]

Qualche anno dopo, un avvocato della Commissione per il commercio internazionale depositò un parere per un altro caso in cui affermava che i brevetti in questione di Trend Micro non erano validi. Fortinet avviò una nuova azione legale e, nel dicembre 2010, l'Ufficio brevetti e marchi statunitense dichiarò i brevetti non validi.[3][18]

Nel dicembre 2013, Fortinet ha citato in giudizio Sophos con l'accusa di incoraggiare i dipendenti di Fortinet a lasciare l'azienda e di violare i brevetti Fortinet.[19][20] La controversia legale si è conclusa dopo due anni con una mediazione dalle clausole riservate.[21]

Ulteriori sviluppi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008, i ricercatori di Fortinet scoprirono che un widget Facebook di Zango aveva indotto più di tre milioni di utenti a scaricare spyware pericoloso con il pretesto di svelare agli utenti l'identità di ammiratori segreti.[22] Zango negò le accuse, affermando che il software si poteva installare solo con il consenso degli interessati.[23]

Alla fine del 2008, Fortinet ha acquisito la proprietà intellettuale degli strumenti di protezione e auditing di database di IPLocks, offrendo lavoro ai 28 dipendenti dell'azienda.[24] Nell'agosto del 2009, ha inoltre acquisito la proprietà intellettuale e altri asset di Woven Systems, azienda specializzata in prodotti di switching Ethernet.[25] Secondo IDC, in quel momento, Fortinet era il primo fornitore mondiale di soluzioni di gestione unificata delle minacce, con una quota di mercato del 15,4%.[26] L'azienda ha continuato a crescere in modo costante, recuperando la redditività dopo un periodo in perdita tra il 2004 e il 2007.[27] Fortinet iniziò anche a scalare le classifiche dell'ARC (Annual Report Card) di CRN Magazine, raggiungendo la prima posizione nel 2009.[28]

Nel novembre 2009, Fortinet ha promosso un'offerta pubblica iniziale. Si prevedeva di raccogliere 52,4 milioni di dollari dalla vendita di 5,8 milioni di azioni.[26] Anche molti azionisti decisero di mettere in vendita le loro azioni simultaneamente.[29] Alla vigilia del primo giorno di negoziazione, Fortinet aumentò il prezzo per azione da 9 a 12,50 dollari e, al termine del primo giorno di negoziazione, il prezzo sul mercato raggiunse i 16,62 dollari, il che permise all'azienda di raccogliere finanziamenti per un totale di 156 milioni di dollari.[30]

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, i profitti annui di Fortinet arrivarono a 324 milioni di dollari.[3] Nel novembre dello stesso anno, Bloomberg lasciò trapelare che IBM stava considerando l'acquisizione dell'azienda,[31] che Fortinet rifiutò.[32][33] Nel dicembre 2012, Fortinet acquisì XDN (precedentemente conosciuta come 3Crowd), azienda fornitrice di un servizio di app hosting chiamato CrowdDirector.[34] e nel 2013 acquisì Coyote Point, azienda distributrice di applicazioni, per una cifra mai resa pubblica.[35][36]

Fortinet ha modificato il proprio programma per rivenditori nel luglio del 2013, allo scopo di offrire finanziamenti e altre opzioni ai piccoli fornitori di servizi di sicurezza gestiti.[37] Recentemente, alcuni rivenditori lamentano che Fortinet si sia messa in competizione con i suoi stessi rivenditori, mentre Fortinet afferma di non fare vendite dirette.[38]

Nel 2014, Fortinet ha fondato la Cyber Threat Alliance con Palo Alto Networks, allo scopo di promuovere la condivisione di dati sulle minacce di sicurezza tra fornitori. Lo stesso anno, si unirono al gruppo anche McAfee e Symantec.[39][40] Nel maggio del 2015, Fortinet acquisì l'azienda produttrice di hardware Wi-Fi con sede nella Silicon Valley Meru Networks per 44 milioni di dollari.[41][42] Alla fine del 2015, i ricercatori specializzati in sicurezza di Fortinet denunciarono una falla nei sistemi Fitbit che garantiva l'accesso agli hacker attraverso la sincronizzazione dei dispositivi Bluetooth.[43][44]

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Fortinet sviluppa e commercializza hardware e software per la connettività di rete e la sicurezza IT.[45] L'azienda è rinomata per la sua linea di appliance di sicurezza FortiGate, che unisce numerose funzioni di sicurezza informatica.[46] Secondo un rapporto del 2015 stilato dalla società di analisi IT Dell'Oro Group, nel 2014, la quota di mercato di Fortinet relativa alle apparecchiature di sicurezza IT per profitti era pari all'8%, rispetto al 2,9% del 2012.[47] Questo fa di Fortinet il quarto fornitore mondiale del settore.[48] Secondo Fortinet, il proprio parco clienti è costituito per il 35% da piccole imprese, per il 28% da aziende di medie dimensioni e per il 37% da grandi gruppi.[45]

FortiGate[modifica | modifica wikitesto]

La linea FortiGate di appliance fisiche e virtuali per la gestione unificata delle minacce di Fortinet include una serie di funzionalità di sicurezza come firewall, sistemi di prevenzione delle intrusioni, filtri web e protezione da malware e spam. La linea include prodotti destinati sia a piccole aziende e filiali, che a grandi società, data center e Internet service provider.[2][49] Fortinet vende anche firewall di nuova generazione (NGFW, Next Generation Firewalls), definiti da Gartner come un prodotto in grado di integrare firewall, VPN, prevenzione delle intrusioni e altre funzionalità di sicurezza in un'unica soluzione.[50]

Il primo prodotto di Fortinet è stato FortiGate 3000, rilasciato nell'ottobre del 2002,[51] con una velocità di 3 gigabyte al secondo (GB/s).[52] La linea 5000 venne lanciata sul mercato due anni dopo.[53] Secondo The International Directory of Company Histories, i primi prodotti Fortinet destinati alle piccole aziende e alle filiali sono stati accolti positivamente dal settore.[3][54]

All'inizio del 2013, Fortinet ha aggiunto la funzionalità firewall alla linea di prodotti FortiGate, progettata per reti interne e basata principalmente su processori ASIC dedicati.[55] L'appliance virtuale FortiGate è stata poi integrata in Amazon Web Services nel 2014.[56] Nell'aprile del 2016, Fortinet ha introdotto Fortinet Security Fabric, per consentire ai dispositivi di terze parti di condividere informazioni con il software e le appliance Fortinet tramite API. Ha inoltre introdotto il firewall FortiGate 6040E da 320 Gbit/sec, con il nuovo processore CP9 ASIC, che svolge una parte delle attività di elaborazione della CPU principale, e che verrà utilizzato in tutte le release future di FortiGate.[57]

Altri prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Fortinet fornisce molti altri prodotti software e hardware, tra i quali più di una decina di prodotti per switching, desktop, servizi VOIP, DNS, autenticazione degli utenti e altre applicazioni.[2][49]

Il software FortiAnalyzer offre funzionalità di reporting per i prodotti Fortinet, tra cui registrazione eventi, segnalazione e analisi di sicurezza.[58] FortiClient è un prodotto per la sicurezza endpoint destinato a desktop, smartphone e altri dispositivi.[59][60] Il software VPN FortiClient è stato rilasciato per la prima volta nell'aprile del 2004.[61]

Il software antispam FortiGuard e i prodotti di sicurezza per la messaggistica FortiMail sono stati lanciati nel febbraio del 2005.[3] FortiManager, il software Fortinet per la sicurezza dei datacenter, è stato introdotto nell'aprile del 2003.[62] Fortinet ha lanciato sul mercato il proprio prodotto per la sicurezza dei database nel 2008.[2][49][63] Le piattaforme di commutazione FortiSwitch di Fortinet sono state introdotte nel 2009,[64] mentre i controller di distribuzione delle applicazioni nell'agosto del 2013.[65] Nell'ottobre del 2010, Fortinet ha rilasciato le versioni software virtuali delle proprie appliance FortiGate, FortiManager, FortiAnalyzer e FortiMail.[66] Nell'agosto 2015 ha aggiornato il sistema di gestione FortiCloud.[67] I prodotti SDN (Software-Defined Networking) sono stati infine introdotti nel settembre 2015.[68][69]

Fortinet produce e commercializza versioni wireless dei propri prodotti FortiGate chiamate FortiWifi,[49] lanciate per la prima volta sul mercato nel marzo del 2004.[70][71] Fortinet ha introdotto una nuova linea di access point wireless basati sul cloud nell'agosto del 2015.[67] La linea di prodotti FortiDDoS è stata invece introdotta nel marzo del 2014.[72][73]

Sistema operativo[modifica | modifica wikitesto]

FortiOS è il sistema operativo che equipaggia le apparecchiature Fortinet, basato su una versione modificata del kernel Linux (derivata dalla versione 2.4.37 in FortiOS v.5.4.1) ed ext2 come file system. L'interfaccia di amministrazione web impiega i framework jinja2 e django, con backend python. Nel dicembre del 2003, Fortinet ha iniziato a distribuire FortiOS 2.8, integrando 50 nuove funzioni nel sistema operativo.[74]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Fortinet gestisce inoltre il team di ricerca interna dei FortiGuard Labs, fondato nel 2005,[75] e quattro centri di ricerca e sviluppo in Asia, oltre ad altri negli Stati Uniti, in Canada e in Francia.[76] Fortinet ospita un programma di formazione e certificazione con otto livelli di certificazione NSE[77][78] e gestisce la Network Security Academy, fondata all'inizio del 2016. L'azienda si impegna inoltre a fornire risorse alle università che tengono corsi sulla sicurezza IT.[79]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fortinet Inc. Annual Report 10-K (2016), su Fortinet.com. URL consultato l'8 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2017).
  2. ^ a b c d Fortinet Inc. Annual Report 10-K (PDF), su Fortinet.com. URL consultato il 10 maggio 2016.
  3. ^ a b c d e f g h i Karen Hill, International Directory of Company Histories:Fortinet, vol. 128, St James Press, 2012, pp. 223–227.
  4. ^ a b Kenneth Tam, Martín H. Hoz Salvador, Ken McAlpine, Rick Basile, Bruce Matsugu e Josh More, UTM Security with Fortinet: Mastering FortiOS, Newnes, 31 dicembre 2012, pp. 16–17, ISBN 978-1-59749-977-4.
  5. ^ a b Beverly Natividad, Real-time firewalls preserve performance, in BusinessWorld, 2 marzo 2004.
  6. ^ Fortinet's Money Machine Rolls On, in Network Computing, 3 marzo 2004. URL consultato il 10 marzo 2015.
  7. ^ Cheryl Meyer, Fortinet raises $50M, The Deal, 2 marzo 2004.
  8. ^ Christina Torode, Fortinet Adds New Partner Program, in CRN, 24 ottobre 2003. URL consultato il 10 marzo 2015.
  9. ^ Tom Zeller, Study Says Software Makers Supply Tools to Censor Web, in The New York Times, 12 ottobre 2005. URL consultato il 15 marzo 2015.
  10. ^ IBP, Inc., Myanmar Internet and E-Commerce Investment and Business Guide - Regulations and Opportunities, Lulu.com, 1º agosto 2013, pp. 57–58, ISBN 978-1-4387-3445-3.
  11. ^ Peter Galli, Fortinet Under Fire for Allegedly Violating GPL Terms, 14 maggio 2005. URL consultato l'11 marzo 2015.
  12. ^ Ingrid Marson, Fortinet accused of GPL violation, ZDNet, 14 aprile 2005. URL consultato l'11 marzo 2015.
  13. ^ Ingrid Marson, Fortinet settles GPL violation suit, CNET, 26 aprile 2005. URL consultato l'11 marzo 2015.
  14. ^ Grant Gross, Judge rules for Trend Micro in Fortinet patent case, in Infoworld, 13 maggio 2005. URL consultato l'11 marzo 2015.
  15. ^ Paul Roberts, ITC Rules Against Fortinet in Patent Dispute, in eWeek, 9 agosto 2005. URL consultato il 10 marzo 2015.
  16. ^ Larry Hooper, Fortinet, Trend Micro Settle Antivirus Patent Dispute, in CRN, 30 gennaio 2006. URL consultato il 10 marzo 2015.
  17. ^ John Dunn, Fortinet ordered to suspend U.S. sales, in Computerworld, 11 agosto 2005. URL consultato l'11 marzo 2015.
  18. ^ Alan Shimel, The Patent That Refuses To Die, in Network World, 12 aprile 2011. URL consultato il 14 marzo 2015.
  19. ^ Rob Wright, Sophos CEO Slams Fortinet In Response To Employee Poaching Lawsuit, su CRN, 20 dicembre 2013. URL consultato il 6 luglio 2016.
  20. ^ Martyn Williams, Fortinet sues Sophos over alleged employee poaching, su PCWorld, 17 dicembre 2013. URL consultato il 6 luglio 2016.
  21. ^ Sarah Kuranda, Sophos And Fortinet End 2-Year Legal Feud Over Patents, Talent, Secrets, su CRN, 10 dicembre 2015. URL consultato il 6 luglio 2016.
  22. ^ Ellen Messmer, Facebook's "Secret Crush" malicious widget tricks users, in Network World, 3 gennaio 2008. URL consultato il 5 agosto 2016.
  23. ^ Matt Hines, Facebook hack fuels Web 2.0 concerns, in InfoWorld, 3 gennaio 2008. URL consultato il 10 marzo 2015.
  24. ^ Robert McMillan, Fortinet buys assets of security vendor IPLocks, IDG News Service, 17 giugno 2008. URL consultato il 14 marzo 2015.
  25. ^ Munir Kotadia, Woven Systems technology lives on with Fortinet, in IT News, 20 agosto 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  26. ^ a b Computer security co. Fortinet plans IPO this week, in Seattle Times, 17 novembre 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  27. ^ Lynn Cowan, Security Security: Fortinet IPO Jumps 33%, in The Wall Street Journal, 19 novembre 2006, p. C6.
  28. ^ Robert DeMarzo, Fortinet IPO: Love Of Services, 25 settembre 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  29. ^ Kelly Jackson, Product Watch: Fortinet Issues An IPO, Dark Reading, 18 novembre 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  30. ^ Robert McMillan, Security Vendor Fortinet Sparkles in IPO, IDG News, 18 novembre 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  31. ^ Peter Burrows, Fortinet Said to Be Approached by IBM; Shares Soar, 1º novembre 2010. URL consultato il 13 marzo 2015.
  32. ^ Fortinet Says IBM Acquisition Talk Untrue, Reuters, 11 gennaio 2010. URL consultato il 13 marzo 2015.
  33. ^ Brian Prince, Fortinet Denies IBM Acquisition Rumors, 1º novembre 2010. URL consultato il 13 marzo 2015.
  34. ^ Jim Davis, Did Fortinet acquire XDN in a bid to add more cache to its portfolio?, 17 dicembre 2012. URL consultato il 14 marzo 2015.
  35. ^ Stephen Lawson, Fortinet to Buy Coyote Point to Merge Security with Application Delivery, IDG News Service, 22 marzo 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  36. ^ Rachel King, Fortinet buying Coyote Point for application delivery model, ZDNet, 22 marzo 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  37. ^ Robert Westervelt, Fortinet Refines MSSP Program For Broader Reach, 10 luglio 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  38. ^ We Are A 100 Percent Channel Company, in CRN, 15 luglio 2013.
  39. ^ Nathan Eddy, McAfee, Symantec Join Cyber Threat Alliance, in eWeek, 17 settembre 2014. URL consultato il 14 marzo 2015.
  40. ^ Chloe Albanesius, Obama Wants Tech Firms to Alert Feds to Cyber Threats, in PC Magazine, 13 febbraio 2015. URL consultato il 13 marzo 2015.
  41. ^ Jeremy Owens, Biz Break: Fortinet steps up security challenge to Cisco with Meru acquisition, in The San Jose Mercury News. URL consultato il 10 giugno 2015.
  42. ^ Sarah Kuranda, Fortinet Dives Deep Into Enterprise Secure Wireless Market With Meru Networks Acquisition, in CRN, 27 maggio 2015. URL consultato il 10 giugno 2015.
  43. ^ Elizabeth Weise, Fitbit hacked from 10 feet away, security firm says, in USA TODAY, 22 ottobre 2015. URL consultato il 10 marzo 2016.
  44. ^ fitbit, Fitbit hack: '10 second' vulnerability makes wearables spew malware (Wired UK), su Wired UK, 11 febbraio 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  45. ^ a b Fortinet Security Fabric (PDF), febbraio 2016. URL consultato il 15 maggio 2016.
  46. ^ Amy Reeves, Will Investors Find Safe Haven With Network Security Company?, in Investor's Business Daily, 17 novembre 2009.
  47. ^ Tim Greene, Dell Oro Group: Check Point, Fortinet, Palo Alto making gains in security appliances, su Network World, 25 agosto 2015. URL consultato il 10 marzo 2016.
  48. ^ Worldwide Security Appliance Market Continues Its Growth Trajectory in the First Half of 2015, According to IDC, su www.idc.com, 14 settembre 2015. URL consultato il 16 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  49. ^ a b c d K. Tam, M.H.H. Salvador, K. McAlpine, R. Basile, B. Matsugu e J. More, UTM Security with Fortinet: Mastering FortiOS, Elsevier Science, 2012, p. 36, ISBN 978-1-59749-977-4. URL consultato il 5 agosto 2016.
  50. ^ Ellen Messmer, Fortinet unveils high-speed security blade for Fortigate-5000 chassis: FortiGate-5001B blade combines firewall, VPN, IPS, application controls, filtering, in Network World, 30 novembre 2010.
  51. ^ Paul Roberts, Fortinet to unveil 3Gbps security appliance, in Infoworld, 22 ottobre 2002.
  52. ^ Tim Greene, Fortinet revs its security gear, in Network World, 10 marzo 2003. URL consultato il 10 marzo 2015.
  53. ^ Matt Villano, Fortinet Welcomes New VPs, Finishes Security Appliance, in CRN, 13 settembre 2004. URL consultato il 10 marzo 2015.
  54. ^ Andrew Conry-Murray, Fortinet's Anti-virus Firewall, in Network Magazine, settembre 2004.
  55. ^ Fortinet Releases Internal Network Firewall, in eWeek.com, 23 gennaio 2015. URL consultato il 24 giugno 2016.
  56. ^ Nathan Eddy, Fortinet Security Platform Hits Amazon Web Services, in eWeek, 27 marzo 2014. URL consultato l'11 giugno 2015.
  57. ^ Tim Greene, New security fabric to unite Fortinet gear with that of other vendors, in Network World, 25 aprile 2016. URL consultato il 10 maggio 2016.
  58. ^ FortiNet FortiAnalyzer completed validation with QRADAR SIEM, ibm.com, 28 maggio 2014. URL consultato il 7 ottobre 2016.
  59. ^ Neil Rubenking, FortiClient 5.0, in PC Magazine. URL consultato il 13 marzo 2015.
  60. ^ Peter Stephenson, Fortinet FortiClient 5.0 for Windows, in SC Magazine, 1º agosto 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  61. ^ Matt Villano, Fortinet Branches Out, Launches Client Solution, in CRN, 1º aprile 2004. URL consultato l'11 marzo 2015.
  62. ^ Time Greene, Fortinet uncorks security mgmt. app, in Network World, 7 aprile 2003. URL consultato il 10 marzo 2015.
  63. ^ Brian Prince, Fortinet Builds Database Monitoring, Auditing into Portfolio, in eWeek, 21 gennaio 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  64. ^ Nathan Eddy, Fortinet Offers FortiGate Security Appliance, in eWeek, 12 novembre 2009. URL consultato il 13 marzo 2015.
  65. ^ Nathan Eddy, Fortinet Expands Application Delivery Portfolio, in eWeek, 15 agosto 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  66. ^ Tim Greene, Fortinet goes virtual: Fortinet announces virtual versions of four of its appliances, in Network World, 12 ottobre 2010.
  67. ^ a b CIO.in, Fortinet launches industry's most secure cloud-managed enterprise Wi-Fi solution, su CIO. URL consultato il 10 marzo 2016.
  68. ^ Michael Cusanelli, Fortinet Develops SDNS Framework, Expands Partner Ecosystem, in Network Security and Data Protection Software Solutions content from The VAR Guy, 14 settembre 2015. URL consultato il 10 marzo 2016.
  69. ^ Security in SDN effort puts Fortinet in limelight, su TechTarget, 10 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  70. ^ Frank Ohlhorst, Fortinet Unit Shines for Wi-Fi, in CRN, 26 marzo 2004. URL consultato il 10 marzo 2015.
  71. ^ David Strom, Wireless Routers Worth Your Consideration -- We examine five products, in VARbusiness, 3 maggio 2004, p. 63.
  72. ^ Nathan Eddy, Fortinet Unveils Line of DDoS Security Appliances, in eWeek, 11 marzo 2014. URL consultato il 15 marzo 2015.
  73. ^ Fortinet Adds Four New Appliances To DDoS Portfolio, in CRN, 18 marzo 2014.
  74. ^ Christina Torode, Fortinet: Complete Content Protection, in CRN, 19 dicembre 2003. URL consultato il 10 marzo 2015.
  75. ^ Comparing the best NGFWs on the market, su SearchSecurity. URL consultato il 15 luglio 2016.
  76. ^ Eileen Yu, Fortinet establishes R&D lab in Singapore, ZDNet, 27 agosto 2014. URL consultato il 14 marzo 2014.
  77. ^ Howard Solomon, New online IT training touted to help meet skills shortage, IT World Canada, 29 luglio 2014. URL consultato il 14 marzo 2015.
  78. ^ Howard Solomon, Fortinet creates new Network Security Expert certification, IT World Canda, 29 luglio 2014. URL consultato il 15 marzo 2015.
  79. ^ Intel, Fortinet, launch cybersecurity initiatives, su San Jose Mercury News, 22 marzo 2016. URL consultato il 24 giugno 2016.

Approfondimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]