First Look Media

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
First Look Media
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaNon Profit
Fondazione2013 a New York
Fondata daPierre Omidyar
Glenn Greenwald
Sede principaleNew York
Filiali
SettoreMedia
Prodotti
Slogan«Entertainment with something on its mind»
Sito web

First Look Media è una testata giornalistica fondata da Pierre Omidyar e lanciata nell'Ottobre 2013 come la sede per un giornalismo di pubblico interesse e indipendente. È registrata negli Stati Uniti come Organizzazione non a scopo di lucro 501(c)(3).[1][2]

La testata è stata lanciata in collaborazione con Glenn Greenwald, Jeremy Scahill e Laura Poitras, e finanziato da Omidyar[3][4].

Pubblicazioni e progetti[modifica | modifica wikitesto]

La prima pubblicazione della First Look Media è stata The Intercept, lanciata a febbraio 2014. Il 10 marzo 2014 la testata ha annunciato l'arrivo di John Cook (di Gawker) come direttore di The Intercept[5], come anche di Natasha Vargas-Cooper e Andrew Jerrell Jones come giornalisti per il sito[6].

A febbraio 2014 è stata annunciata una seconda pubblicazione, Racket, che doveva trattare temi legati alla corruzione in campo finanziario e politico sotto la guida di Matt Taibbi a partire dall'autunno del 2014[7][8]. Tuttavia a ottobre dello stesso anno Taibbi ha lasciato la First Look Media in seguito a disaccordi con i vertici[9][10]. Il 13 novembre 2014 anche John Cook lascia First Look Media per tornare a Gawker[11].

A decembre 2014 First Look Media ha annunciato il lancio di Reported.ly, un servizio di notizie attraverso i Social media condotto da Andy Carvin[12] fino ad agosto del 2016[13].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jay Rosen, A First Look at NewCo’s structure, su Pressthink.org, 19 dicembre 2013. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  2. ^ (EN) About - First Look Media, su FirstLook.org, First Look Media, 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2014).
  3. ^ (EN) Ryan Chittum, The extraordinary promise of the new Greenwald-Omidyar venture (UPDATED), su cjr.org, Columbia Journalism Review, 17 ottobre 2013. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  4. ^ (EN) Mark Hosenball, Here's Who's Backing Glenn Greenwald's New Website, su huffingtonpost.com, Reuters su HuffingtonPost, 15 ottobre 2013. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  5. ^ (EN) Peter Kafka, Gawker's John Cook Joins First Look Media, su recode.net, Recode, 10 marzo 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  6. ^ (EN) Glenn Greenwald, The Intercept Welcomes Its New Editor and Two New Writers, su theintercept.com, The Intercept, 10 marzo 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  7. ^ (EN) Jeremy Barr, Matt Taibbi’s First Look Media project looks like it’s called ‘Racket’, su capitalnewyork.com, Politico, 20 agosto 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  8. ^ (EN) Ravi Somaiya, Start-Up Site Hires Critic of Wall St., su The New York Times, 19 febbraio 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  9. ^ (EN) Ravi Somaiya, Matt Taibbi Is on Leave Only Months After Joining First Look Media, su The New York Times, 28 ottobre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  10. ^ (EN) Glenn Greenwald, Laura Poitras, Jeremy Scahill, John Cook, The Inside Story of Matt Taibbi's Departure from First Look Media, su theintercept.com, 30 ottobre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  11. ^ (EN) Hadas Gold, John Cook leaving First Look Media, su Politico.com, 13 novembre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  12. ^ (EN) Andy Carvin, Welcome to Reported.ly, su medium.com, 8 dicembre 2014. URL consultato il 30 dicembre 2016.
  13. ^ (EN) Mathew Ingram, Andy Carvin Talks About First Look Media Shutting Down Reported.ly, su Fortune.com, 9 agosto 2016. URL consultato il 30 dicembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN142899823 · ISNI (EN0000 0004 4675 3905 · LCCN (ENno2003059555 · WorldCat Identities (ENno2003-059555
Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria