Felix Weil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lucio Felix José Weil (Buenos Aires, 8 febbraio 1898Dover, 18 settembre 1975) è stato un accademico e filantropo argentino di origine tedesca.

Felix Weil era figlio del facoltoso mercante di origine tedesca Hermann Weil, che lasciò la Germania verso il 1890 per intraprendere un lucroso commercio di grano[1], e di sua moglie Rosa Weil. All'età di 9 anni fu mandato in Germania per frequentare il Goethe-Gymnasium a Francoforte.
Eccettuato un importante anno all'università di Tubinga nel 1918-1919, dove iniziò il suo coinvolgimento coi gli ambienti di sinistra, egli rimase a Francoforte, dove si laureò magna cum laude in scienze politiche. La sua tesi, sui problemi pratici dell'implementazione del socialismo, fu pubblicata in una serie di monografie da Karl Korsch[1].

Con la fortuna di famiglia nel 1923 finanziò la Prima Settimana di Lavoro Marxista (Erste Marxistische Arbeitswoche) nella città tedesca di Ilmenau. All'evento parteciparono figure come Georg Lukács, Karl Korsch, Richard Sorge, Friedrich Pollock, e Karl August Wittfogel.
Sulla base del successo di questo evento, nel 1924 Weil e Friedrich Pollock fondarono l'Istituto di Ricerche Sociali, che raccolse alcuni tra i più eminenti intellettuali di quegli anni.

Dal 1945 Felix Weil si stabilì permanentemente in California.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Martin Jay, The Dialectical Imagination. A history of the Frankfurt School and the Institute of Social Research 1923-1950, 1973. URL consultato il 26 gennaio 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 5704047 · LCCN: no97017011 · GND: 117251062