Università di Tubinga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Università di Tubinga "Eberhard Karl"
Ubicazione
StatoBandiera della Germania Germania
CittàTubinga
Dati generali
Nome latinoEberhardina Carolina
Fondazione1477
FondatoreEberardo I di Württemberg
Tipocomprehensive university
RettoreKarla Pollmann
Studenti28 500
AffiliazioniGerman Universities Excellence Initiative
Mappa di localizzazione
Map
Sito web

L'Università di Tubinga, chiamata per esteso Università Eberhard Karl di Tubinga (in tedesco: Eberhard-Karls-Universität Tübingen, qualche volta chiamata in latino Eberhardina Carolina) è una università pubblica della città di Tubinga, nel Baden-Württemberg in Germania. Tubinga è una delle cinque "città universitarie classiche" tedesche, insieme a Friburgo, Heidelberg, Gottinga e Marburgo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È una delle università più antiche della Germania, fondata nel 1477 da Eberardo V di Württemberg; è fra le più importanti a livello internazionale per gli studi di medicina, scienze naturali, scienze umane. Specialmente per gli studi germanici (Germanistik) è la prima università per importanza. Attualmente conta circa 28 500 studenti[1].

Tra gli ex allievi dell'Università si trovano due presidenti, numerosi ministri e commissari della Repubblica federale tedesca, e un gran numero di giudici della Corte costituzionale federale tedesca. Un totale di undici premi Nobel per la medicina, chimica e fisica sono associati all'Università di Tubinga[2]. Il più grande rappresentante della filosofia tedesca e uno dei più grandi della filosofia occidentale, Friedrich Hegel, studiò in questa università dal 1788 al 1793.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Universität Tübingen - University, su uni-tuebingen.de. URL consultato il 4 luglio 2019.
  2. ^ (DE) Nobelpreisträger, su uni-tuebingen.de. URL consultato il 2 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN141412593 · ISNI (EN0000 0001 2190 1447 · BAV 494/877 · ULAN (EN500312814 · LCCN (ENn79011117 · GND (DE36187-2 · BNE (ESXX88400 (data) · BNF (FRcb11995302f (data) · J9U (ENHE987007269372705171 · NSK (HR000077139 · WorldCat Identities (ENlccn-n79011117