Falooda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Falooda
Falooda big.jpg
Origini
Altri nomifaluda
Luoghi d'origineIndia India
Bangladesh Bangladesh
Pakistan Pakistan
DiffusioneIndia, Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
  • noodle di grano
  • latte
  • sciroppo di rose
  • semi di basilico

Il falooda o faluda è un dolce diffuso in tutto il subcontinente indiano a base di semi di basilico dolce, latte, e noodle di grano, arrowroot e amido di mais o sago.[1][2] Solitamente, l'alimento viene servito con il gelato.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il falooda ebbe origine dal faloodeh, un dolce di origine persiana di cui esistono anche diverse varianti preparate nell'Asia occidentale, centrale e meridionale.[4][5] Il falooda si diffuse in India tra il XVI e il XVIII secolo grazie ai mercanti e alle future dinastie regnanti che si radicarono nel subcontinente.[4] Il falooda subì un'evoluzione che giunse a termine durante l'epoca dei Moghul, i quali diffusero la pietanza nei territori da loro conquistati; i sovrani persiani che succedettero ad essi continuarono consumare la pietanza, che divenne tradizionale dell'Hyderabad e nelle aree carnatiche dell'attuale India.[1] Oltre ad essere tradizionale dello stato indiano, il falooda è considerato un alimento importante nella tradizione culinaria del Pakistan, del Bangladesh e dello Sri Lanka, e viene servito durante i matrimoni, diverse festività islamiche e altri eventi importanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) The Royal Falooda, su eatingindia.net. URL consultato il 3 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2017).
  2. ^ (EN) Falooda Sev Recipe, su sailusfood.com. URL consultato il 3 marzo 2021.
  3. ^ (EN) Falooda Recipe, su sailusfood.com. URL consultato il 3 marzo 2021.
  4. ^ a b (EN) Faloodeh: Persian Rosewater and Lemon Sorbet, su thepersianfusion.com. URL consultato il 3 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2018).
  5. ^ (EN) Colleen Taylor Sen, Darra Goldstein, The Oxford Companion to Sugar and Sweets, Oxford University, 2015, p. 357.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]