Faiz Ahmad Faiz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Faiz Ahmad Faiz

Faiz Ahmad Faiz (Urdu: فَیض احمد فَیض; Kala Qader, 13 febbraio 1911Lahore, 11 novembre 1984) è stato un poeta e scrittore pakistano, uno dei più celebri scrittori della lingua urdu, nominato per il Premio Nobel per la letteratura e vincitore del Premio Lenin per la pace[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Punjab, nell'India britannica, Faiz ha studiato al Government College e all'Oriental College. Ha poi prestato servizio nell'esercito indiano britannico. Dopo l'indipendenza del Pakistan, Faiz divenne il direttore del Pakistan Times e membro di spicco del Partito comunista prima di essere arrestato nel 1951 per una sua presunta partecipazione lla cospirazione per rovesciare l'amministrazione Liaquat e sostituirla con un governo di sinistra.

Faiz è stato rilasciato dopo quattro anni di prigionia e è diventato un membro di spicco del Progressive Writers Movement e infine un aiutante dell'amministrazione Bhutto, prima di essere auto-esiliato da Beirut. Faiz era dichiaratamente marxista, e ha ricevuto il Premio Lenin per la pace consegnatogli dall'Unione Sovietica nel 1962. Il suo lavoro rimane influente nella Pakistan letteratura e nelle arti pakistane. Dopo la sua morte, il governo pakistano gli conferì nel 1990 il Nishan-e-Imtiaz, il più alto riconoscimento civile della nazione.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ poets.org
  2. ^ DAWN, su dawn.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN113944154 · ISNI (EN0000 0001 0937 4373 · Europeana agent/base/64828 · LCCN (ENn79083318 · GND (DE118937804 · BNF (FRcb13540770c (data) · NLA (EN35074446 · NDL (ENJA00439172 · WorldCat Identities (ENlccn-n79083318