FOMO

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La FoMO (acronimo che sta per l'espressione inglese Fear of missing out; letteralmente: "paura di essere tagliati fuori") è una forma di ansia sociale[1], caratterizzata da un desiderio di rimanere continuamente in contatto con ciò che fanno gli altri e dalla paura di essere esclusi da un evento o da un contesto sociale. La FoMO può portare a una preoccupazione compulsiva che si possa perdere un'opportunità di interazione sociale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La teoria dell'autodeterminazione (SDT, Self-determination theory) afferma che il sentimento di parentela o di connessione con gli altri è un bisogno psicologico legittimo che influenza la salute psicologica delle persone.[2] In questo quadro teorico, la FoMO può essere inteso come uno stato autoregolativo derivante dalla percezione situazionale, a lungo termine, che i propri bisogni non siano soddisfatti.[3]

Con l'avvento della tecnologia, le esperienze sociali e comunicative delle persone sono state amplificate. Da un lato, le moderne tecnologie (come ad esempio telefoni cellulari o smartphone) e i servizi di social networking (come ad esempio Facebook, Twitter, o Instagram) offrono alle persone l'opportunità di essere socialmente connesse. D'altra parte, la comunicazione mediata perpetua una maggiore dipendenza da internet. Una dipendenza psicologica dall'essere in linea potrebbe provocare ansia quando ci si sente scollegati, portando così alla paura di essere tagliati fuori[4] o persino all'utilizzo patologico di internet.[5] Di conseguenza, si ritiene che FoMO abbia influenze negative sulla salute e il benessere psicologico delle persone, perché potrebbe contribuire a fenomeni depressivi.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PDF) JWT Intelligence
  2. ^ Deci, E.L. & Ryan, R.M. (1985). Intrinsic motivation and self-determination in human behavior. Plenum Press. ISBN 9780306420221.
  3. ^ Science Direct
  4. ^ Internet Addiction on Campus: The Vulnerability of College Students
  5. ^ CyberPsycologic
  6. ^ New York Times

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]