Enrico Somaré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Somaré (Travedona, 19 ottobre 1889Milano, 1953) è stato un critico d'arte, traduttore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore e critico d'arte, collaborò con diversi periodici e fondò la rivista «L'esame» (1922-1925), attraverso la quale condusse un'operazione di rivalutazione dell'Ottocento pittorico italiano. Nel 1928 aprì la Galleria Milano, dove espose opere di Casorati, Wildt, Leonor Fini, Sironi, Tosi, Tozzi, Manzù, Carrà.[1][2] Secondarie furono le attività di traduttore e poeta.[3] Fu membro onorario dell'Accademia delle arti del disegno di Firenze.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Somaré, Emilio Malerba, Milano, U. Hoepli, 1927.
  • Enrico Somaré, Storia dei pittori italiani dell'Ottocento, Milano, L'esame, 1928.
  • Enrico Somaré, Le cento opere di Giovanni Fattori della collezione Mario Galli, Rizzoli e C., 1928.
  • Enrico Somaré, Favretto, Milano, A. Mondadori, 1933.
  • Enrico Somaré, Canti del mattino, prefazione di Oreste Ferrari, Milano, Mondadori, 1934.
  • Enrico Somaré, L'Ottocento napoletano nella collezione di Enrico De Angeli, Milano, Edizioni dell'esame-Rizzoli & C., 1939.
  • Enrico Somaré, L'opera di Egisto Ferroni; con una vita del pittore narrata dal figlio Arrigo, Milano, Rizzoli, 1939.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Biblioteca Nazionale Centrale di Roma: «L'Esame» (raccolta digitale dal 1922 al 1925)
Controllo di autoritàVIAF (EN113463419 · ISNI (EN0000 0000 8181 3433 · SBN CFIV042756 · BAV 495/140684 · ULAN (EN500326224 · LCCN (ENn84046600 · GND (DE138574278 · CONOR.SI (SL232423011 · WorldCat Identities (ENlccn-n84046600