Enrico Panunzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Panunzio (Molfetta, 1º luglio 1923Roma, 20 febbraio 2015) è stato uno scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del poeta Giacinto e nipote di Sergio Panunzio[1]. Per vent'anni diresse la biblioteca dell'Istituto Italiano di Cultura a Parigi.[2] Autore sia di narrativa che di poesia, con il romanzo I signori scaduti ottenne una segnalazione al Premio Grazia Deledda nel 1954 e vinse il Premio Salento nel 1968.[3]

Collaborò con La Fiera Letteraria e pubblicò una traduzione italiana in versi di Les Fleurs du Mal di Baudelaire.[4] Con Gino Montesanto realizzò una riduzione radiofonica del romanzo La pelle di zigrino di Balzac.[5]

La narrativa di Panunzio è sostenuta da una visione del mondo "meridionale", che si ricollega alle radici elleniche della Magna Grecia, e da una scrittura a volte barocca e preziosa; come in L'apofasia del Cav. Ciro Saverio Paniscotti (1982), romanzo aperto, incentrato sul conflitto tra «ottimismo scientista» e «atavico scetticismo».[6]

Malfarà[7] (1986) è, secondo Giacinto Spagnoletti, l'opera di maggiore rilievo dello scrittore[8]. La storia di Malfarà ha luogo in una imprecisata zona delle Murge, in Puglia, nei pressi di una fattoria detta Sfondascarpe. Sulla vicenda narrata aleggia un'atmosfera dai risvolti stregoneschi, che lo scrittore rende attraverso il ricorso ad un insieme di elementi "misteriosi", come ad esempio il cosiddetto «favonio dei deserti», che sparge dappertutto «una cute infiammata e rossastra di polvere».[8]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Vito Panunzio, Giovane musa, Milano, Quaderni di poesia, 1940.
  • Enrico Panunzio, I signori scaduti, Bologna, Cappelli, 1966. Nuova edizione: Roma, La Lepre edizioni, 2013.
  • Enrico Panunzio, L'apofasia del Cav. Ciro Saverio Paniscotti, Parma, Guanda, 1982. Nuova edizione: Roma, La Lepre edizioni, 2009.
  • Enrico Panunzio, Il balcone di casa Paù, Milano, Bompiani, 1983.[9]
  • Enrico Panunzio, Malfarà, Milano, Spirali, 1986.
  • Enrico Panunzio, L'idiota celeste, Napoli, Pironti Editore, 1989.
  • Enrico Panunzio, I novantanove nomi di Allah, Ravenna, Edizioni del Girasole, 1997.
  • Enrico Panunzio, Il peso degli angeli, Lecce, Manni Editori, 1999.
  • Enrico Panunzio, Inchiostro di alba, Roma, Edizioni della cometa, 2001.
  • Enrico Panunzio, L'anno divino: Nigredo, Fasano, Schena, 2004.
  • Enrico Panunzio, L'occhio di Parigi, Ragusa, Libroitaliano, 2004.
  • Enrico Panunzio, Tregua di azzurro: canzoniere, Fasano, Schena, 2005.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beniamino Finocchiaro e Antonio Rossano, Il potere scomodo, Bari, Dedalo, 1991, p. 12.
  2. ^ Vincenzo Consolo, Enrico Panunzio, su Reti Dedalus.
  3. ^ Marino Moretti e Aldo Palazzeschi, Carteggio vol. IV, 1963-1974, a cura di Simone Magherini, Laura Diafani, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2001, p. 193.
  4. ^ Giuseppe Zamarin, Oltre il neorealismo: guida all'opera di Gino Montesanto, Novara, Interlinea, 2003, p. 37.
  5. ^ La pelle di zigrino – I Puntata, su Rai Teche.
  6. ^ Alberto Asor Rosa, p. 393.
  7. ^ Alberto Moravia, 22 luglio 1986, in Diario europeo : pensieri, persone, fatti, libri, 1984-1990, Milano, Bompiani, 2007, p. 47.
  8. ^ a b Giacinto Spagnoletti, p. 760.
  9. ^ Un nuovo romanzo di Enrico Panunzio. L'ultima Antigone di Palazzo Paù, in Il Tempo, 28 febbraio 1983, p. 2 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Bellezza, Malfarà, un caso letterario, in Paese sera, 12 giugno 1986, p. 5.
  • Giacinto Spagnoletti, Un demiurgo e il delirio di una terra, in Il Tempo, 14 giugno 1986, p. 18.
  • Geno Pampaloni, Picaro con valigia, in Il Giornale, 3 agosto 1986, p. 1.
  • Ugo Franzolin, L'idiota celeste, in Secolo d'Italia, 7 luglio 1989, p. 6.
  • Francesco Durante, Idiozia, meglio se celeste, in Il Mattino, 21 agosto 1989, p. 7.
  • Michele Dell'Aquila, Lo sgambetto contro la Sfinge, in La Gazzetta del Mezzogiorno, 13 febbraio 1990, p. 11.
  • Alberto Asor Rosa, Panunzio, Enrico, in Dizionario della letteratura italiana del Novecento, Torino, Einaudi, 1992.
  • Giacinto Spagnoletti, Una «Conversazione in Sicilia» sulle Murge, in Storia della letteratura italiana del Novecento, Roma, Newton Compton, 1994.
  • Raffaele Crovi, Enrico Panunzio: Panunzio fa tris, in Diario del Sud[collegamento interrotto], Lecce, Manni Editore, 2005, pp. 107-111.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79427447 · ISNI (EN0000 0001 0992 2667 · SBN IT\ICCU\CFIV\000485 · LCCN (ENn85109929 · GND (DE119488515 · BNF (FRcb11506300f (data) · WorldCat Identities (ENn85-109929