Enrico Colombini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrico Colombini nel 1994 circa

Enrico Colombini (Brescia, 1953) è un autore di videogiochi e scrittore italiano. Nel 1982 Colombini ha prodotto in collaborazione con la moglie Chiara Tovena il primo gioco di avventura testuale in lingua italiana (per piattaforma Apple II), intitolato Avventura nel castello[1].

Accanto alla sua opera come programmatore, Colombini si è occupato di divulgazione, sia con testi relativi alle avventure testuali (pubblicati prevalentemente dal Gruppo Editoriale Jackson), sia con frequenti articoli e recensioni di avventure testuali e grafiche d'oltreoceano (specie su Superapple sempre della Jackson).

Videogiochi realizzati[modifica | modifica wikitesto]

  • Avventura nel castello
  • Melopoli (variante del Monopoly per Apple II)[2] e Mac Melopoli (Porting per piattaforma Apple Macintosh)
  • In cerca di fortuna (un gioco di avventura per Mac basato su di un racconto di Andrea Angiolino)
  • L'astronave condannata
  • L'anello di Lucrezia Borgia
  • L'apprendista stregone
  • Il drago delle caverne
  • La casa dell'ambasciatore/Operazione Zanna Bianca (gioco di esempio i cui sorgenti erano pubblicati sui libri della serie sotto elencata Avventure)
  • Echo! (un gioco definito "Audiogame espandibile")
  • Subbuteo: un gioco uscito a settembre 2008 per la console da gioco Nintendo DS, programmato dalla software house Artematica e pubblicato dalla 505 Games. In questo titolo Enrico Colombini appare citato come additional code.
  • Diabolik: The Original Sin. Un gioco di avventura grafica per la console da gioco Nintendo DS, programmato dalla software house Artematica e pubblicato dalla Black Bean Games. In questo titolo Enrico Colombin' appare citato come code manager.
  • Locusta temporis (ebook-game per e-reader e applicazione per iPhone pubblicati da Quintadicopertina rispettivamente nel 2010 e 2011)

Oltre a questi giochi ha prodotto il Modulo Base, un programma scritto in linguaggio BASIC portabile che veniva venduto nel floppy disk allegato ad alcuni suoi libri, e che permette di imparare a programmare un proprio gioco di avventura.

Colombini ha inoltre partecipato alla compilazione di un altro gioco di Roberto Cerruti per Apple II dal titolo di Signori della galassia.

In tempi più recenti ha scritto un framework JavaScript per la scrittura facilitata di racconti gioco o altre opere interattive in HTML, dal nome IDRA, distribuito secondo i termini della licenza GNU GPL.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Scrivere un gioco di avventura, Gruppo Editoriale Jackson, 1985
  • Avventure versione Apple II, Gruppo Editoriale Jackson, 1985 (con dischetto)
  • Avventure versione PC IBM, Gruppo Editoriale Jackson, 1985 (con dischetto)
  • Avventure versione Commodore 64, Gruppo Editoriale Jackson, 1985 (con cassetta)
  • Avventure versione Sinclair Spectrum, Gruppo Editoriale Jackson, 1985 (con cassetta)
  • Avventure versione MSX, Gruppo Editoriale Jackson, 1985 (con cassetta)
  • Avventure per MS-DOS, Gruppo Editoriale Jackson, 1988 (con dischetto)
  • Interactive Fiction & ebooks, Quintadicopertina, 2014
  • Coding – Programmare è un gioco! – Quaderno operativo, De Agostini Scuola, 2015
  • Coding – Programmare è un gioco! – Guida per insegnanti, De Agostini Scuola, 2015
  • Guida Coding – Primi passi nella programmazione e nello storytelling, De Agostini Scuola, 2016
  • Technologica vol. C – Coding e robotica, De Agostini Scuola, 2017

Corsi a fascicoli in edicola[modifica | modifica wikitesto]

  • ABC Personal Computer
  • PC Basic
  • Corso di C[3]
  • PC Subito
  • PC per tutti
  • Elettronica per tutti
  • Tu e il tuo computer
  • Internet facile

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabio Rossi, Avventura nel castello, in Dizionario dei videogame, collana Domino n° 19, Milano, Vallardi, novembre 1993, pp. 43-44, ISBN 88-11-90422-6.
  2. ^ Come (non sempre) nasce un gioco... (JPG), in Super Apple, anno 2, n. 1, J.Soft, gennaio 1986, pp. 82-86.
  3. ^ Corso di C by Enrico Colombini, su Francesco Sblendorio. URL consultato il 9 novembre 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]